Troppi controlli ai valichi: i clandestini tentano la via della Francia attraverso il tunnel ferroviario del Frejus Nella notte fra sabato e domenica sorpresi 10 africani in galleria. Traffico merci bloccato per consentire alla Polizia dei due Paesi di controllare il tunnel

L'imbocco del tunnel ferroviario del Frejus a BardonecchiaL'imbocco del tunnel ferroviario del Frejus a Bardonecchia

BARDONECCHIA – La vecchia galleria ferroviaria di Cavour del Frejus, fuori mercato per il traffico merci, sta trovando una nuova vocazione come via di immigrazione clandestina verso la Francia. Al netto dei 6 convogli TGV giornalieri – fra andata e ritorno – sotto il tunnel del 1861 infatti statno passando pochi  merci e i treni dell’AFA, l’autostrada ferroviaria alpina. E con le limitazioni di velocità imposte dalle normative di sicurezza all’interno dell’asse ferroviario, con peraltro divieto di incrocio di convogli imposto dal Prefetto della Savoia, a causa della mancanza in caso di emergenza ed incendio, di uscite di sicurezza e impianti di ventilazione.

Se ne sono sono accorti anche i clandestini – e soprattutto i loro “consulenti” passeur – che sbarcati in Italia cercano in ogni modo di passare i confini veros la Francia. Perché ormai tutti i vlaichi tradizionali sono presidiati pressoché 24 oere su 24 dalle pforze di polizia francesi e anche da quelle italiane.

I “migranti” sorpresi nel tunnel del Frejus

L’ultimo tentativo, molto grave, perché poteva causare una strage, è accaduto nella notte fra sabato e domenica. Dieci africani sono stati individuati mentre tentavano di attraversare la frontiera con la Francia dentro il tunnel del traforo ferroviario del Frejus, fra  Bardonecchia e Modane. Quattro di loro sono stati bloccati dalla Polfer, altri sei dalla Géndarmerie di Modane.

Per consentire l’operazione la linea è stata bloccata per tutta la notte e il tunnel esplorato integralmente dagli agenti. Un treno merci è sttao fermato per oltre quattro ore finché non è stato verificato che non vi fossero altre persone nella galleria e linea è stata completamente controllata.

Non è il primo tentativo del genere, ma è il più numeroso per persone fermate da inizio estate. I tentativi di attraversamento del tunnel, lungo 13,6 chilometri, una volta passati i treni passeggeri. La scarsa frequenza e l aridotta velocità dei merci consente ai clandestini  qualche chance in più ripararsi e di spostarsi all’interno della galleria. Le autorità di polizia di frontiera dei due Paesi stanno in questi giorni coordinandosi per intensificare i servizi di controllo e prevenzione, prima che ci scappi il morto sulla tratta.

IL cartello che segna il confine sotto la galleria ferroviaria del Frejus

IL cartello che segna il confine sotto la galleria ferroviaria del Frejus