A Collegno, incontro sul tema “Educare all’autostima”

famiglie-1

di ELENA CAVARGNA

COLLEGNO – Riprendono gli incontri di “Essere genitori, un’arte imperfetta”, percorso per una genitorialità consapevole promosso dall’associazione di volontariato Famiglialcentro di Collegno e dalle Parrocchie di Rivoli. Sentiamo le parole del presidente di Famiglialcentro, Gianluca Beato: “Si tratta di un progetto di formazione che guarda al futuro con speranza, pensato per genitori con figli in tutte le fasce d’età (infanzia, età scolare, adolescenza), che prevede 6 conferenze a rotazione sulle città di Collegno, Rivoli e Grugliasco. Il progetto è ormai alla sua 5° edizione ed ha la finalità di condividere esperienze e fornire ai genitori alcuni strumenti per educare i figli. Il tema di questa edizione è accogliere i figli per donarli – responsabilmente liberi – al mondo, cioè accompagnarli affinché possano gradualmente camminare con le loro gambe, affrontando con responsabilità le sfide poste dalla realtà e vivere la propria vita in pienezza e felicità”. Il 1° incontro del ciclo 2016-2017 è rivolto ai genitori con figli in età 0-5 e si terrà a Collegno presso il Centro Civico B. Centeleghe, UNITRE, in via Gobetti 2 venerdì 7 ottobre alle ore 21. Il titolo è “Educare all’autostima. Gli ingredienti per nutrire l’autostima dei bambini e favorire l’integrazione dell’aggressività”. Relatrice la dott.ssa Maria Marcella Accardi (Pedagogista Clinico, Master in Difficoltà Specifiche di Apprendimento e dello sviluppo). Gli incontri sono patrocinati dai comuni di Rivoli, Collegno e Grugliasco, e sono gratuiti. Saranno raccolte offerte libere per coprire i costi sostenuti. Per necessità organizzative, l’iscrizione agli incontri è obbligatoria. Sarà possibile iscriversi a due incontri per volta. Per l’iscrizione si prega di indicare nome, cognome, città di residenza e indirizzo mail di recapito. Nel rispetto degli organizzatori e dei partecipanti, si chiede di disdire in caso di impossibilità a partecipare. Per informazioni e iscrizioni scrivere all’indirizzo:  [email protected]

famiglie