A Rivalta un vecchio fucile finisce i suoi giorni al cimitero

fucile-cimitero

RIVALTA – È sbucata da un sacco nero di plastica, come da un moderno e un po’ discutibile vaso di Pandora, la vecchia doppietta calibro 16 che il mai fermo custode del cimitero cittadino Lello ha rinvenuto stamattina, 21 novembre, a fianco del terzo cancello. La custodia, rivestita di pelle e avvolta in giornali risalenti agli anni Ottanta, conteneva l’arma smontata, la copertura delle canne, un lungo scovolino per la pulizia dell’arma e nessuna cartuccia. “Quando ho visto l’involucro appoggiato sull’erba mi sono incuriosito e anche un po’ impensierito. – racconta ora Lello – Così ho preferito aprirlo e quando ho visto ciò che conteneva ho avvisato subito i Carabinieri”. Adesso saranno gli uomini del Comandante Antonio Vitale della Caserma di via Monte Grappa a Orbassano a risalire, tramite il numero di matricola ancora ben visibile, al legittimo proprietario, per capire se il fucile sia finito su una striscia d’erba rivaltese per irregolare abbandono o per furto regolarmente denunciato.