A Rivoli, incontro con Angela La Gioia del Gruppo Abele sul tema “La diversità come risorsa, opportunità e diritto” Venerdì 25 novembre alle ore 21 presso l’Oratorio Santa Maria della Stella

genitori

RIVOLI – Proseguono gli incontri di “Essere genitori, un’arte imperfetta” percorso per una genitorialità consapevole promosso dall’associazione di volontariato Famiglialcentro di Collegno e dalle Parrocchie di Rivoli, un progetto di formazione pensato per genitori con figli in tutte le fasce d’età che ha la finalità di condividere esperienze e fornire alcuni strumenti per educare i figli, permettendo loro di conoscere se stessi ed entrare in relazione con gli altri. Il tema di questa 5° edizione di “Essere genitori, un’arte imperfetta” è accogliere i figli per donarli – responsabilmente liberi – al mondo, cioè accompagnarli affinché possano gradualmente camminare con le loro gambe, affrontando con responsabilità le sfide poste dalla realtà e vivere la propria vita in pienezza e felicità. Alla prima serata rivolta ai genitori di bambini in età scolare hanno partecipato ben 170 genitori: la psicologa Anna Antinoro ha trattato il tema delle difficoltà della crescita, dell’errore funzionale alla crescita e all’attivazione di strategie per risolvere i problemi e proseguire il cammino verso il proprio obiettivo, della frustrazione che si genera nell’ambito delle relazioni figli-genitori. Sarà ora la volta del 4° ed ultimo incontro per genitori con figli di 6-11 anni, che si terrà venerdì 25 novembre alle ore 21.00 a Rivoli presso l’Oratorio S. Maria della Stella (Salone Archi 2° piano), via F.lli Piol 44, ingresso di fianco alla chiesa. Il titolo è “LA DIVERSITA COME RISORSA, OPPORTUNITA’  E DIRITTO. Educare all’accoglienza e all’integrazione”. Relatrice Angela La Gioia, psicoterapeuta, responsabile dell’Università della Strada dall’Associazione Gruppo Abele. Gli incontri sono patrocinati dai comuni di Rivoli, Collegno e Grugliasco, e sono gratuiti.  Saranno raccolte offerte libere per coprire i costi sostenuti. Per necessità organizzative, l’iscrizione agli incontri è obbligatoria (si prega di indicare nome, cognome, città di residenza e indirizzo mail di recapito). Per informazioni e iscrizioni scrivere all’indirizzo:  [email protected]