A Sant’Ambrogio la tradizionale traslazione delle reliquie del Santo Giovanni Vincenzo

Foto Danilo CrosettaFoto Danilo Crosetta

FOTOSERVIZIO di DANILO CROSETTA

S.AMBROGIO – Si è svolta oggi, con il vescovo di Susa Monsignor Badini Confalonieri Domenica, la celebrazione della festa della traslazione delle reliquie del santo patrono Giovanni Vincenzo. La messa presieduta dal vescovo ha visto la partecipazione dei soci della Società  Abbadia schierati con alabarde e bandiere. Era presente l’Abbà  dell’anno Enrico Crosetta. Il parroco a nome della comunità ha rivolto il saluto al Vescovo e si è complimentato della fedeltà  della secolare Abbadia al Santo Patrono invitando ad continuare ad essere testimoni della fede cristiana in ogni ambito di vita. Dopo la messa si è svolta la tradizionale processione fino al pilone di San Giovanni Vincenzo posto proprio all’inizio della mulattiera che sale alla Sacra, costruito dove la tradizione vuole si sia fermata la cavalcatura con le preziose reliquie del santo patrono a pochi passi dalla facciata della chiesa romanica ora demolita. Qui l’Abbà  ha letto il proclama alla gente rievocandola traslazione mentre e il celebrante ha rivolto una preghiera d’affidamento della comunità  al santo patrono. Le preziose reliquie sono custodite in un prezioso reliquiario posto ai piedi dell’altare barocco della chiesa parrocchiale; l’urna di bronzo e ottone dorato che custodisce le reliquie del Santo Patrono fu donata, per sciogliere un voto, dall’Amministrazione comunale di Sant’Ambrogio il 21 novembre 1836.