A Susa per un giorno i capolavori del Louvre Presentazione nella Biblioteca Hack di Condove

monna-lisa

CONDOVE – Fu così che caduto Napoleone i nostri capolavori ripresero la via dell’Italia. Quadri, sculture e manufatti pregiati caricachi sui carri passarano dal Moncenisio e lì per un banale incidente caddero a terra. Alcuni si rovinarono, altri si salvarono e vennero riportati dove il Corso li aveva requisiti. Questo è un aneddoto poco conosciuto della città che lo studioso Andrea Ludovici ha raccontato illustrando il libro “La città di Susa” uscito per le edizioni Il Graffio. Il volume della collana guide è il secondo tassello dopo quello sull’abbazia della Sacra di San Michele. La presentazione è avvenuta nella Biblioteca Hack di Condove. Ad introdurre lo scrittore il coordinatore dell’iniziativa editoriale Piero Del Vecchio. Le fotografie a corredo del testo sono rispettivamente di Franco Borrelli e Carlo Ravetto.