Ad Almese i ragazzi delle scuole parteciperanno a “Puliamo il mondo” L’evento avrà luogo giovedì 13 ottobre

puliamo-il-mondo

ALMESE – L’Amministrazione Comunale di Almese, in collaborazione con la Fondazione Magnetto, l’Istituto Comprensivo di Almese, l’ACSEL, l’AIB di Almese e la Croce Rossa di Villar Dora, ha aderito quest’anno all’iniziativa nazionale di Legambiente “Puliamo il mondo”, l’edizione italiana di Clean up the world, il più grande appuntamento internazionale di volontariato ambientale che coinvolge ogni anno oltre 35 milioni di persone in circa 120 Paesi.

L’iniziativa avrà luogo giovedì 13 ottobre: 103 studenti della prima media di Almese e 64 della quinta elementare di Almese, Rivera e Milanere saranno coinvolti in una mattina di pulizia ambientale del proprio paese accompagnati dalla Dirigente scolastica, dagli insegnanti, dagli amministratori locali e dai volontari dell’AIB. Lo scopo dell’iniziativa è liberare il territorio dai rifiuti e contribuire a spazi più sostenibili, puliti e inclusivi. I ragazzi coinvolti potranno inoltre vivere un importante momento di sensibilizzazione non solo su questioni ecologiche, ma anche sulle tematiche della solidarietà, della convivenza e del rispetto degli altri.

Gli accompagnatori illustreranno agli studenti ciò che potrebbe essere dannoso da raccogliere e vigileranno con la massima cura affinché nessuno tocchi oggetti che possano risultare pericolosi.  I ragazzi e i volontari saranno riconoscibili in quanto provvisti di pettorina, cappellino e guanti con il logo di Legambiente. La Croce Rossa di Villar Dora garantirà inoltre un’adeguata copertura sanitaria, mentre Legambiente nazionale ha stipulato un accordo con il Consorzio Assicurativo Etico Solidale per attivare la copertura assicurativa (per maggiori dettagli è possibile visionare il sito www.consorziocaes.org).

Le classi che parteciperanno all’iniziativa avranno anche l’opportunità di intraprendere con Legambiente un percorso annuale sulla sostenibilità attraverso l’adesione al progetto “Classe per l’ambiente” entro il 30 novembre 2016.