Addio esenzioni. Negli ospedali di Susa, Avigliana, Giaveno e Rivoli si pagano le visite Visite, farmaci e analisi mediche gratuite solo a indigenti o malati gravi

ospedale rivoli 018

Sono ben  203 le visite e gli esami medici che, da oggi, andranno pagati. Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale pubblicata il 20 gennaio, del cosiddetto decreto “Appropriatezza” diminuiscono drasticamente le prestazioni sanitarie finanziate dal Sistema Sanitario Nazionale. Tra queste spariscono risonanze magnetiche ed esami di laboratorio oltre che visite specialistiche che potranno essere prescritte solo a particolari condizioni di erogabilità. Il testo normativo presenta un elenco completo delle materie dall’odontoiatria, alla genetica, alla radiologia diagnostica, agli esami di laboratorio, la dermatologia allergologica e poi ancora la medicina nucleare. Molti cittadini si troveranno nella condizione di dover pagare per intero e non, come avveniva in precedenza, il solo ticket per una serie di esami e visite specialistiche per la prevenzione di diverse patologie. Tutto dipenderà, stando a quanto indicato dal decreto “dallo stato clinico o personale del destinatario, dalla particolare finalità della prestazione”. Caso a parte saranno le problematiche odontoiatriche per le quali dovranno valutarsi  le condizioni di “vulnerabilità sanitaria”, o di “vulnerabilità sociale” cioè con condizioni di svantaggio sociale ed economico che rendano necessario l’intervento del Sistema Sanitario Nazionale. Ecco che adesso negli ospedali di Susa, Avigliana, Giaveno e Rivoli e nei presidi territoriali bisognerà fare due code, la prima allo sportello di prenotazione la seconda al bancomat.