Al via Cardio 50, progetto di screening cardiovascolare per i nati nel 1965 Progetto promosso dall'ASLTO3 per i cinquantenni residenti nel territorio aziendale

cardio-50

Da sabato 3 dicembre l’ASLTO3 darà il via su tutto il territorio aziendale al progetto di screening di prevenzione cardiovascolare “Cardio50”, dedicato alle oltre 8500 persone che hanno compiuto  50 anni di età. “Gli studi clinici indicano che in questa età circa il 70% dei soggetti necessita di interventi preventivi e che è maggiore, proprio in questa età, la disponibilità al cambiamento verso stili di vita maggiormente salutari. Il progetto consentirà di scoprire l’esistenza di un rischio cardiovascolare in persone che fino a quel momento non avevano alcuna percezione di poter incorrere in un evento infausto, quale un infarto o un ictus, o di essere affette da ipertensione, diabete, ipercolesterolemia. Fra gli obiettivi vi è inoltre quello di aggiungere questo tipo di prevenzione “salvavita” ai tradizionali screening già attivi, come quello della mammella, dell’utero e del colon-retto. In una prima fase, il progetto è stato sperimentato in un’area ristretta, presa come campione, ovvero l’area di Avigliana, con l’appoggio del locale Centro di continuità assistenziale. Ora lo screening viene esteso all’intera popolazione dell’ASL, a cominciare da quella dell’area Pinerolese. L’attività sarà svolta da operatori sanitari del territorio, che condurranno lo screening nelle giornate del sabato, secondo un fitto calendario organizzativo che coinvolgerà tutti i Distretti dell’ASLTO3, con ambulatori dedicati attivati presso i Poliambulatori di Grugliasco, Pianezza, Orbassano, Oulx, presso il CAP di Avigliana e presso i Presidi Ospedalieri di Rivoli e Susa, nonché presso la sede distrettuale di Stradale Fenestrelle, a Pinerolo, dove sabato 3 verranno ricevuti i primi soggetti convocati“: spiegano dall’AslTo3. Tutti i residenti nati nel 1965 ed esenti da patologie, riceveranno una comunicazione che li inviterà a presentarsi ad un incontro con il personale sanitario, durante il quale verranno analizzati tutti i  fattori di rischio implicati nelle malattie cardiovascolari: storia clinica, abitudini alimentari, pressione arteriosa, glicemia, colesterolemia, calcolo dell’indice di massa corporea, circonferenza vita, tabagismo, attività fisica. Qualora venga riscontrato un rischio superiore al 20% (misurato su scala del “Progetto Cuore”), l’interessato verrà indirizzato verso percorsi di approfondimento.
L’organizzazione dello screening è curata in modo integrato e sinergico da diverse strutture aziendali fra le quali il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica, in funzione di Coordinatore delle attività per l’Azienda ASLTO3, il Servizio SIAN per gli stili alimentari corretti, il SERD per la lotta al tabagismo, la Promozione della salute, i Distretti.