Alla scuola Maria Ausiliatrice di Giaveno c’è il registro elettronico

maria-1

GIAVENO – Con l’inizio del nuovo anno scolastico, è partito ufficialmente per la scuola Primaria e Secondaria di 1° grado il Registro Elettronico. Questo strumento permette un significativo incremento della trasparenza delle comunicazioni tra scuola e famiglia. Con una password personale, ogni singolo genitore potrà monitorare ogni aspetto della vita scolastica dei propri figli: avvisi, comunicazioni varie, segnalazioni disciplinari, assenze e voti. Certamente il Registro Elettronico va utilizzato per quello che serve, cioè come contenitore per raccolta dati. Né più né meno che un diario più attendibile e preciso nel fornire informazioni. Il Registro Elettronico non può e non deve sostituire l’importante aspetto della relazione umana tra scuola e famiglia. Relazione fatta di presenza, dialogo, condivisione con tutti coloro che costituiscono la Comunità Educante che ruota attorno agli allievi. Ma ancora più importante è il mantenimento della fiducia tra genitori e figli. Il controllo quotidiano e capillare nella vita scolastica dei propri figli non deve sostituire il dialogo, l’attenzione a quel che capita, alle parole non dette e all’interpretazione dei segni che inevitabilmente i figli lanciano. Sapere tutto e subito placa l’ansia ma non sostituisce la fiducia.ndavano un identico messaggio: doveva nascere anche per le bambine e le giovani l’ambiente educativo che già c’era a Torino-Valdocco, per i ragazzi ad opera di Don Bosco. Maria Domenica Mazzarello fu confondatrice nel dare vita, forma e sviluppo alla nuova istituzione. Il Registro Elettronico è un contenitore di dati, importante e utile, ma non può custodire l’importanza materiale della relazione. La relazione è un incontro che non può esaurirsi nella virtualità di dati on line. I dati servono per monitorare come vanno le cose a scuola, la relazione serve per leggere e comprendere cosa si nasconde dietro quei dati. In questo noi crediamo: quello che c’è dietro ai dati sono i nostri ragazzi. Nessun ragazzo si esaurirà, fortunatamente, dentro ad un voto numerico. Ognuno di loro è di più ed oltre. Di più ed oltre che possono e devono essere conosciuti e condivisi nella comunicazione, reale, tra genitori e figli, allievo e docente, docente e famiglia.

http://www.mariaausiliatricegiaveno.it/