Almese lotta contro l’Ictus Sabato 2 aprile al Teatro Magnetto

giornata_prevenzione_ictus

ALMESE – Sabato 2 aprile torna l’appuntamento con la giornata dedicata alla prevenzione contro l’ictus e dedicata a tutta la cittadinanza. L’iniziativa si svolge nel contesto del Progetto Provas (PROtezione VAScolare in Val Susa) in collaborazione con ALICE (Associazione per la Lotta all’Ictus cerebrale), ASLTO3, Comuni di Almese, Villar Dora, Rubiana e Casellette insieme alla preziosa opera della Fondazione Magnetto. La giornata di prevenzione si terrà presso il Teatro Magnetto di Almese per i comuni di Almese, Villar Dora e Rubiana e negli ambulatori Comunali di via Alpignano 115 per il comune di Caselette. Tutti i residenti dei quattro comuni che hanno un età compresa tra i 55 ed i 75 anni sono invitati a usufruire di questa opportunità di prevenzione e tutela della propria salute. I cittadini di Almese e di Caselette sono attesi dalle ore 8.30, mentre quelli di Villardora e di Rubiana a partire dalle 9.30: chi volesse partecipare deve presentarsi digiuno da almeno due ore, munito di esami ematici recenti ed eventuale documentazione cardiologica ed ecg. Durante la mattinata, in forma del tutto gratuita, si avrà la possibilità di eseguire controlli glicemici e colesterolemici, pressori, con valutazione di eventuale rischio vascolare. Un’importante opportunità di educazione alla salute rivolta a tutti grazie anche all’utilizzo di slide che daranno utili informazioni relative all’alimentazione corretta e gli stili di vita da praticare. Verrà inoltre lanciata una grande campagna di sensibilizzazione verso il movimento fisico inteso come forma preventiva e curativa di patologie importanti quali ictus, malattie cardiache, dismetaboliche e diabete. Grazie all’intervento del SISP dell’ASL TO3 (Dipartimento di Prevenzione) nella presenza del dottor Suma dei suoi collaboratori, verrà infine fatto un bilancio del lavoro svolto con la nascita dei gruppi di Cammino nei comuni di Almese e Villar Dora (già attivi dallo scorso anno). Si potrà così promuovere presso gli altri comuni questa importante iniziativa dedicata alla salute. Verranno date anche informazioni circa l’opportunità di diventare walking leader attraverso il progetto “La salute vien camminando”, proprio al fine di creare gruppi autogestiti nei vari comuni di provenienza.