Elezioni Avigliana. “Piacere sono Andrea Archinà” (LE FOTO) Il candidato di Avigliana Città Aperta si presenta agli elettori

La sala con la presentazione della lista ArchinàLa sala con la presentazione della lista Archinà

AVIGLIANA – Una serata all’insegna della continuità, così si potrebbe definire l’incontro della lista Avigliana Città Aperta che presenta Andrea Archinà come pretendente alla carica di sindaco. Un lungo filo amministrativo lega questa proposta elettorale agli anni passati tra il sindaco Patrizio dopo e Mattioli prima. Esperienza e consolidata esperienza portano questo gruppo di persone, tutte con un vissuto importanate alla spalle nel palazzo di Piazza Conte Rosso, a proporsi per i prossimi cinque anni.

L’investitura di Angelo Patrizio

Ha esordito il professor Patrizio: “Sono contento che si sia mantenuto il simbolo della nostra lista: è un segno di continuità, perchè le persone possono cambiare, ma le idee sono sempre quelle. Dobbiamo ricreare le condizioni per vincere e sono convinto che si possa fare, vedere tanta gente stasera mi trasmette speranza. Abbiamo amministrato in un momento difficile, ma 5 anni fa è iniziato un percorso di rinnovamento ed è per questo che abbiamo decisio di dare spazio ai giovani”.

Andrea Archinà tra giurisprudenza e amministrazione

Archinà ha raccontato i molti progetti costruiti in questi cinque anni e spera che siano il trampolino per il futuro. Una serata nella sala del Consiglio Comunale volta a raccontarsi, ma soprattutto destinata descrivere la sua esperienza non solo come amministratore pubblico, ma anche come componente attivo di un progetto politico che definisce di “democrazia partecipata“. Andrea Archinà ha svolto nell’ultima giunta l’incarico di  assessore alla cultura, al turismo, al commercio ed artigianato, ai beni archeologici e ai  rapporti con le associazioni ed è stato vice-sindaco. Per la lista con i nomi della squadra ancora tocca aspettare un pò.

Il bene della città

Spiega il candidato: “Mi sento di parlare col cuore, così come è iniziato questo percorso. Abbiamo un unico obiettivo: il bene della nostra città. C’è molto lavoro da fare e per questo bisogna dare continuità al nostro gruppo, per permetterci di proseguire nel percorso iniziato– per poi aggiungere- ringrazio Marco Nota e Renzo Tabone, mi hanno supportato e accompagnato nella scelta di sciogliere le riserve e buttarmi in questa esperienza come garante del nostro progetto, perché così mi piace definirmi. Questo è solo il primo appuntamento per incontrare la cittadinanza, i futuri momenti che ci saranno seguiranno gli otto incontri dello scorso anno, perché non ci facciamo vedere solo in campagna elettorale e ci tenevo a sottolinearlo”.

Questo slideshow richiede JavaScript.