A Caprie il ricordo della fine della Seconda Guerra Mondiale (LE FOTO) Boggia: "Stop agli scellerati giochi di guerra"

La cerimonia a CaprieLa cerimonia a Caprie

CAPRIE – Una cerimonia sobria, elegante e raccolta è quella vissuta a Caprie per ricordare la fine della Seconda Guerra Mondiale. Prima alla Santa Messa, poi in piazza c’erano tutte le autorità e le associazioni del paese. La Società Filarmonica “G. Verdi” ha accompagnato la manifestazione con le classiche musiche dal Piave all’Inno Nazionale con la provata esperienza e lo stile riconosciuto ai musici del piccolo paese valsusino. Il sindaco  Paolo Chirio ha ringraziato i presenti e i cittadini presenti.

Il vice presidente Fabio Boggia

Il vice presidente dell’ANPI Condove-Caprie-Borgone Fabio Boggia ha posto l’accento sui valori della festa. “Qualche giorno fa – ha ricordato il vicepresidente – in questo fantastico e caotico mondo dei social network, ho visto i commenti delle persone  che hanno condiviso l’appello dell’ANPI, dei sindacati e movimenti cattolici per uno stop agli scellerati giochi di guerra. Un appello scarosanto, ragionevole a prescindere da qualsiasi tipo d’idiologia. In realtà i commenti erano confusi e alcuni polemici. “Partigiani…rossi vi siete estinti e meno male” era un commento che mi ha colpito. Sovente sdi percepisce che questa visione sia sempre più diffusa, non solo ai livelli più bassi e beceri am anche a livelli teoricamente più alti e acculturati“. Boggia ha poi dopo avere posto l’accento sui valori fondati della Repubblica ha poi mandato un messaggio di pacificazione e comprensione verso quanti condividono idee che lui definisce neo-fasciste. “La cosa che più mi rammarica, è che spesso, le persone che portano avanti e difendono o seguono queste idee sono persone che in realtà avrebberi molto da darci; sono nostriconcittadini, nostri amicie  e fratelli“.

Questo slideshow richiede JavaScript.