Arrestati tre nomadi per tentato furto

ALPIGNANO – Di questa stagione alle 17.30 la luce è già scomparsa e ieri in via Piave, che corre fra alti palazzi, nuove villette e vecchie abitazioni, i residenti si preparavano alla sera. Ma in un condominio chi rientrava a casa ha notato tre persone sconosciute che alla richiesta di spiegazioni sulla loro presenza all’interno del caseggiato hanno preferito voltare le spalle e scappare, scavalcando la cancellata del cortile. Senza perdersi d’animo, i condomini hanno segnalato l’episodio al 112 e pochi minuti dopo i Carabinieri della Compagnia di Rivoli sono arrivati su posto, così veloci da non aver lasciato ai tre fuggitivi la possibilità di correre lontano. I tre, nomadi, tra i 16 e i 18 anni e tutti senza fissa dimora, sono stati infatti scoperti mentre si nascondevano fra le auto in sosta e la loro perquisizione ha permesso ai Militari dell’Arma di sequestrare guanti e arnesi atti allo scasso e di arrestarli per tentato furto. Uguale sorte è toccata, più o meno alla stessa ora, ad altri due nomadi di 21 e 43 anni, residenti al campo di corso Unione Sovietica a Torino, che ad Alpignano hanno incrociato con la vettura Fiat Punto su cui viaggiavano i Militari della Stazione, davanti ai quali si sono subito dati alla fuga. Dopo un lungo inseguimento i due fuggiaschi si sono dovuti arrendere e gli oggetti da scasso, le tute, i guanti, il passamontagna e una smerigliatrice che sono emersi durante una perquisizione hanno fatto sì che fossero denunciati  per il possesso di arnesi atto alla scasso.