Arrivano in valle 112 migranti, la spesa sarà di 2 milioni e mezzo di euro Enrico Tavan: "Stiamo cercando gli alloggi in 16 comuni"

(foto Vita.it La ValigiaBLu)(foto Vita.it La ValigiaBLu)

E’ arrivato il momento anche per la valle di accogliere i migranti. Le immagini che abbiamo negli occhi tutti ormai da anni, con i barconi che arrivano, quelli che affondano, i centri d’accoglienza con tutte le difficoltà e le problematiche che la migrazione comporta adesso saranno anche nostri. Alcuni comuni della valle, esattamente 20, l’anno scorso hanno anticipato l’arrivo nei comuni in forma passiva dei migranti, cercando una forma attiva e firmando un protocollo d’intesa con la Prefettura.

Enrico Tavan, assessore ad Avigliana che ha seguito la pratica, aveva già anticipato sulle pagine del nostro giornale ( http://www.lagenda.news/venti-comuni-firmano-unintesa-per-laccoglienza-programmata-di-112-migranti/) quanto sarebbe successo, adesso siamo al dunque.

Cosa recita il Protocollo firmato l’anno scorso?

Avigliana, Almese, Buttigliera Alta, Condove, Novalesa, Sant’Antonino, Sant’Ambrogio, Susa, Borgone, Caselette, Chianocco, Chiusa di San Michele, Mattie, Mompantero, San Giorio, San Didero, Villar Dora, Villar Focchiardo, Caprie e Vaie hanno previsto la ripartizioni dei migranti indicati dalla Prefettura nei vari comuni. Si è convenuta l’istituzione di un “Tavolo di coordinamento per la l’accoglienza in Valle, istituire servizio informativo sulla microaccoglienza, promuovere percorsi formativi e di accompagnamento sul tema della microaccoglienza. Inoltre l’accordo prevede un limite tant’è che i comuni firmatari saranno esclusidai futuri bandi della Prefettura per l’assegnazione del servizio di accoglienza ed assistenza dei richiedenti protezione internazionale. 

Che costi avranno i comuni?

Non ci sarà nessun costo a carico dei Comuni aderenti.

Adesso bisogna trovare gli alloggi, dove?

Il raggruppamento di imprese sociali, composto da Coop. Orso, Coop. Amico, Coop. Frassati, Diaconia Valdese, Fondazione Talità Kum sta ricercando unità abitative in affitto (indicativamente per accoglienze di 4 persone l’una nei seguenti Comuni:Avigliana, Almese, Buttigliera Alta, Condove, Novalesa, Sant’Antonino, Sant’Ambrogio, Susa, Borgone, Caselette, Chianocco, Mattie, Mompantero, San Giorio, San Didero e Villar Focchiardo. Sono già state reperite abitazioni nei seguenti comuni: Caprie, Chiusa San Michele, Vaie e Villar Dora.

Quanto dureranno i contratti?

I contratti saranno intestati ad una delle imprese sociali precedentemente citate in base all’ubicazione della casa: ciascuno dei 20 Comuni ha infatti una cooperativa di riferimento che stipulerà i relativi contratti. Si precisa che i contratti saranno di carattere transitorio e decorreranno da giugno del 2016 fino al 31 dicembre del 2017. Per sostenere la fase di ricerca, matching e stipula dei contratti, il raggruppamento ha individuato nel Cicsene un proprio riferimento operativo in ragione della conoscenza del territorio e dell’attività in ambito abitativo sviluppata. Di seguito si forniscono i contatti del Cicsene e dei referenti delle organizzazioni sociali coinvolte in relazione ai territori di riferimento per comunicazioni e offerta di disponibilità.

Quanti saranno in totale i migranti in arrivo?

A pieno regime il protocollo prevede la sistemazione di 112 profughi. Il contributo totalmente a carico della Prefettura è di 35 euro a persona al giorno, di questi 2,50 euro vanno ai profughi gli altri servono per vitto, alloggio e assistenza.

Facendo due conti lo Stato riconosce alle cooperative 35 euro per 112 persone per un totale di 3920 euro al giorno. I sei mesi di quest’anno e i dodici del prossimo sono 547 giorni. Per la spesa tra vitto, alloggio, corsi di formazione, inserimento civico  e i contanti al giorno che ogni migrante potrà utilizzare ci sarà da staccare un assegno da 2 milioni e mezzo di euro. La maggior parte ricadrà sul territorio, ecco perchè oltre le critiche di rito forse per alcuni comuni in Italia l’immigrazione si sta trasformando in un affare. A scriverlo sembra una cattiveria ma è proprio così.