Bardonecchia, la minoranza attacca l’amministrazione Avato

Il municipio di BardonecchiaIl municipio di Bardonecchia

BARDONECCHIA – Il gruppo di minoranza “Bardonecchia Insieme” a fronte della convocazione del prossimo consiglio comunale di Bardonecchia presenterà diverse interpellanze su vari argomenti. Sono molti i sassolini dalla scarpa che vogliono togliersi quelli del gruppo.

Cosa chiederete al sindaco?

L’attività deliberativa è quasi nulla, in nove mesi l’attuale giunta si è solo accodata ad iniziative preparate da altri comuni approvando le relative convenzioni. La programmazione culturale invernale è stata un flop: l’annullamento  per motivi tecnici degli ultimi eventi al Palazzo delle Feste in collaborazione con Piemonte dal Vivo da indiscrezioni sembrerebbe che siano stati venduti solo 8 biglietti ad oggi, è il fanalino di coda della incapacità dell’attuale gestione“.

Cosa contestate?

La mancata pubblicità degli eventi, incapacità gestionale, mancanza di personale, fra poco 4 dipendenti andranno in pensione, senza previsione di assunzioni, richiesta di convocazione di tavoli per la contrattazione da parte dei sindacati da dicembre e mai convocati dall’Amministrazione, assenza di comunicazione fra uffici, assenza di comunicazioni alla cittadinanza, presenza quasi nulla degli assessori ed oggettiva impreparazione sono ormai elementi caratterizzanti di questa giunta“.

Sembra un’accusa diretta ad Avato, è così?

Quello che stupisce è la ventennale esperienza politico-amministrativa del sindaco di Bardonecchia : ormai un uomo solo al comando, il capoclasse con i compagni di scuola, non è una battuta ma la realtà. Le promesse elettorali sono ormai state dimenticate: seggiovia; campeggio e i denari dalla Sitaf“.

La vostra azione è efficace?
Le nostre interpellanze vengono vanificate dai tempi biblici delle convocazioni dei consigli, dai faremo, decideremo, vedremo, penseremo… e i mesi passano. L’insoddisfazione dei turisti, dei torinesi delle seconde e prime case, di molti residenti, esclusi quelli del feudo di Borgo Vecchio nel quale è ubicato il negozio del Sindaco, è ormai lampante tanto da parlare di decadenza: dalla moria di negozi in Via Medail, alla mancanza di strutture ricettive adeguate, a locali ormai rimasti agli anni che furono“.

Quante sono le interpellanze?

Abbiamo presentato dici interpellanze congiunte con il gruppo “A Bardonecchia adesso decidi tu” di Cicconi e Sergi. Chiediamo tempi, modi e contezza della nuova seggiovia per rilanciare il turismo; delle vicende della farmacia comunale; del campeggio Bokki ormai senza gestore dopo i problemi giudiziari; delle promesse sulla viabilità; della ZTL e dell’ADSL comunale non funzionante per i turisti; delle modalità di scelta della segretaria Proloco e del Presidente BGE; della mancata assegnazione della tappa per il Giro di Italia. Abbiamo, inoltre, richiesto una interpretazione al Segretario Comunale di un articolo del Regolamento del Consiglio di Bardonecchia che di fatto riduce o meglio impedisce alla minoranza di poter esercitare il potere di controllo ed informazione garantito dalla normativa in relazione alla discussione delle interpellanze in aula“.