La biblioteca di Condove entra nel firmamento grazie a Margherita Hack (LE FOTO) Intitolata lo spazio culturale con la presenza degli Astrofili Segusini

L'intitolazione della biblioteca comunale di CondoveL'intitolazione della biblioteca comunale di Condove

CONDOVE – Venerdì 10 marzo c’è stata la cerimonia d’intitolazione della biblioteca comunale all’astrofisica Margherita Hack. Libri di storia, saggistica, storia locale, narrativa e i classici sono raccolti nelle due sale dell’edificio che fu il dopolavoro della Moncenisio e negli anni Novanta l’amministrazione di Giuseppina Canuto riportò in vita. La biblioteca ha un’appendice nella frazione di Mocchie e vive grazie al grande lavoro dei volontari che offrono il loro tempo per la catalogazione, la sistemazione e l’organizzazione dei prestiti.

L’intitolazione a Margherita Hack

Tempo di intitolazioni nel paese di Bauchiero. Prima il salone parrocchiale, per tutti semplicemente sottochiesa, in Piergiorgio Frassati. Poi il campetto dietro San Pietro in Vincoli ad Alfredo Suppo. Sempre in parrocchia la sala d’incontro alla maestra Livia Pettigiani. Tornando in ambito sportivo bisogna ricordare la “piastra” di Via Cesare Battisti battezzata Luca Moletto. Ora è il tempo della biblioteca.

Associazione Astrofili Segusini

Hanno aperto la cerimonia i musici dell’Unione Musicale Condovese, presenti il sindaco Sarti, gli assessori Bonavero, Suppo e Tabone e Allais. Alla serata è intervenuta l’assessore dell’Unione Montana Falchero e la presidentessa della biblioteca di Borgone. Interessante l’intervento dell’Associazione Astrofili Segusini sul tema “Sotto una cupola stellata…ricordando Margherita”. Un ritratto più personale che scientifico, puntato sull’attività di Margherita Hack come divulgatrice, sulla sua umiltà e sulla sua piena disponibilità, qualità che in più di un’occasione l’hanno portata a contribuire al lavoro e alle pubblicazioni dell’associazione di Susa. Hanno chiuso i ragazzi della Scuola Re con un contributo di ricerca. Fuori alzando lo sguardo ecco il Grande Carro, il Piccolo e la Stella Polare. Una serata che sarebbe tanto piaciuta a Margherita Hack.

Questo slideshow richiede JavaScript.