Buttigliera accoglie come soddisfazione le modifiche allo statuto dei Patti Territoriali Zona Ovest. Plauso per il lavoro dell’ente che riunisce i centri della cintura nord-ovest.

ButtiglieraComune

BUTTIGLIERA – Soddisfazione espressa dall’amministrazione comunale nei confronti dell’operato dei “Patti territoriali zona ovest”; l’organismo che da 16 anni unisce i centri della prima e seconda cintura nord-ovest di Torino. Plauso espresso in occasione della modifica allo Statuto operata sulla società al servizio del Patto, intercorsa in questi giorni. Modifica necessaria per adeguarla ai dispositivi della “Legge Madia”, sul riordino delle società a partecipazione pubblica.

La modifica dello Statuto della “Zona Ovest” Srl.

Adeguamento che, nei suoi tratti fondamentali, prevede, per la “Zona Ovest Srl”, la costituzione di un capitale esclusivamente pubblico; la preponderanza delle sue attività (80 percento) sulle commesse dei soci e una minima apertura al mercato; la possibilità di effettuare controlli analoghi a quelli svolti all’interno degli enti pubblici.

Il sindaco Cimarella è soddisfatto del lavoro nei Patti Territoriali.

La costituzione della società ha rappresentato una tappa di un articolato e proficuo processo di aggregazione di area vasta. Complessivamente, questi accordi hanno portato sul territorio circa 50milioni di euro. In questi ultimi due anni abbiamo potuto utilizzare ancora un residuo del finanziamento originale di circa 1,8 milioni di euro di cui 309.000 euro destinati al Comune di Buttigliera Alta. Per la nostra area, questo strumento negoziale ha di fatto inaugurato una stagione progettuale positiva, nel corso della quale siamo riusciti ad integrare investimenti pubblici e investimenti privati, promuovendo anche processi di governance che hanno consentito di ragionare tra più Comuni di progetti di sviluppo economico e sociale di area vasta. Non possiamo, quindi, non complimentarci con il Presidente, il consiglio e tutta la struttura per la proficua attività e per l’alta capacità professionale”.