Buttigliera, cronaca di un mercatino natalizio

BUTTIGLIERA – E’ arrivata domenica in paese l’aria di Natale, accendendo i motori per lo shopping delle strenne, che in questi giorni sta accompagnando la corsa verso la festa più sentita del calendario. Ricchissima l’edizione 2015 dell’ormai classica kermesse di fine autunno: il mercatino “Natale è nell’aria”, che ha raddoppiato e ha saputo ancora una volta rinnovare le occasioni di solidarietà e di acquisto, unendo le due anime, quella più spirituale a quella più commerciale, del Natale. Il raddoppio innanzitutto: grazie a una più stretta collaborazione tra i promotori della manifestazione, la Pro loco, e l’amministrazione comunale che quest’anno ha affiancato al mercatino degli hobbisti e degli artigiani, ospiti del “Centro famiglia” parrocchiale, una fiera che ha riempito l’ala coperta della limitrofa piazza Donatori di Sangue. La kermesse ha occupato l’intera giornata di domenica e ha riunito, come sempre, le principali associazioni del territorio tra cui, oltre allo stand della nazionale Libera, anche “Sos salute e sviluppo”, gli Aib della vicina Reano e la parrocchia, insieme, significativa new entry, a “L’albero di Greta”, che ha raccolto fondi per una malattia genetica che colpisce una bimba torinese. Immancabile la casetta di Babbo Natale, che ha distribuito dolciumi e accolto le letterine dei bimbi, oltre allo stand della Pro loco, con una specialissima cioccolata calda sponsorizzata da Cafferel e dalla “Centrale del latte” di Torino. Vera sorpresa della giornata, nel tardo pomeriggio, è sbarcata al mercatino la carovana dei duecento babbi Natale partita in mattinata dall’ospedale infantile “Regina Margherita” e passata a Rivoli, all’inaugurazione del villaggio natalizio nel centro storico.