Buttigliera taglia il nastro dei ristrutturati plessi scolastici Quasi 2 milioni di euro per la messa in sicurezza sismica e la riqualificazione energetica delle scuole di Capoluogo e Ferriera

La palestra di Buttigliera in via di ristrutturazioneLa palestra di Buttigliera in via di ristrutturazione

BUTTIGLIERA – Importante duplice taglio del nastro, il prossimo sabato mattina 10 settembre, per festeggiare l’avvio del nuovo anno scolastico con l’inaugurazione della chiusura di importanti cantieri, che chiudono una lunga stagione di messa in sicurezza e riqualificazione dei plessi cittadini. Si inizia alle 9 a Ferriera, alla scuola dell’infanzia Aquilone, in via dei Comuni, dove lunedì 12 rientreranno, dopo due anni di trasferimento nella limitrofa primaria Collodi, i bimbi della materna. Due anni di cantieri e 500mila euro di fondi europei e comunali per rimettere completamente a nuovo la struttura, rifacendo il tetto, i muri perimetrali, rinforzati in chiave antisismica e coibentati per ottimizzare il risparmio energetico. In più, sono state sostituite le caldaie, i serramenti e rifatti vialetti, marciapiedi e terrazze esterne.

Dopo l’inaugurazione ferrierese, si salirà a Capoluogo, al plesso di corso Laghi, per vedere la palestra messa in sicurezza sismica con 500mila euro di fondi governativi, e la messa in sicurezza sismica per 800mila euro di primaria, infanzia e secondaria, dove sono stati cambiati caldaie e serramenti, ottimizzato l’isolamento termico e sistemate le aree esterne con un plus di fondi comunali.

«Chiudiamo, in anticipo rispetto alle previsioni, uno dei punti chiave del nostro programma amministrativo: la riqualificazione e messa in sicurezza di tutte le scuole», commentano il sindaco Alfredo Cimarella e il vicesindaco e assessore all’istruzione Laura Saccenti, inviando alle cerimonie di sabato che vedranno ospiti Umberto D’Ottavio come rappresentante del Parlamento, l’assessore regionale all’istruzione Gianna Pentenero, la vicepresidente del Consiglio Regionale Daniela Ruffino, oltre ai padroni di casa dell’amministrazione comunale e dell’istituto comprensivo cittadino.