Approvato il calendario scolastico regionale 2017/18: si torna in classe l’11 settembre Confermata a febbraio la minivacanza per la "settimana dello sport"

scuola

TORINO – La  Giunta regionale del Piemonte ha approvato il  Calendario scolastico 2017-18: dopo le lunghe vacanze estive per tutti gli studenti piemontesi il ritorno sui banchi di scuola è fissato per lunedì 11 settembre.

La fine delle lezioni invece sarà diversificata:

  • sabato 9 giugno ultimo giorno per  le scuole primarie e secondariedi 1° e 2° grado:  per un totale di 206 giorni di lezione
  • sabato 30 giugno ultimo giorno per le scuole dell’infanzia: per complessivi 224 giorni di scuola

La delibera regionale, che ha avuto il parere positivo della Conferenza permanente per il Diritto allo studio, prevede le vacanze di Natale da lunedì 25 dicembre 2017 a sabato 6 gennaio 2018, mentre in occasione della festa dell’Immacolata Concezione – l’8 dicembre –  le scuole chiuderanno anche sabato 9 dicembre.

Per le vacanze di Pasqua gli studenti staranno a casa da giovedì 29 marzo a martedì 3 aprile; si aggiunge un giorno di vacanza per la giornata del Santo Patrono se questa cade in un giorno di lezioni, e uno il lunedì 30 aprile.

Per dare continuità alla sperimentazione avviata quest’anno, è stata mantenuta la giornata di vacanza aggiuntiva a Carnevale, periodo nel quale le scuole saranno chiuse da sabato 10 a mercoledì 14 febbraio, con l’invito alle istituzioni scolastiche, nel rispetto della rispettiva autonomia, a concentrare nelle giornate del 15, 16 e 17 febbraio le attività formative integrative in materia di sport e benessere.

La “Settimana dello Sport”

Si conferma così la Settimana dello Sport, che nello scorso febbraio è stata realizzata in collaborazione tra gli Assessorati regionali all’Istruzione, al Turismo e allo Sport, gli enti regionali di promozione sportiva riconosciuti dal CONI e l’Arpiet (l’Associazione regionale piemontese che riunisce le imprese esercenti trasporto a fune in concessione, ovvero i gestori degli impianti di risalita).

Obiettivo dichairato è quello di promuovere il turismo invernale e le attività, teoriche e pratiche, legate allo sport e al benessere. “Una sperimentazione – ha detto l’Assessore all’Istruzione, Gianna Pentenero – che ha permesso a molti ragazzi che non avevano mai sciato prima di trascorrere una giornata sulle piste da sci o di praticare altri sport a scuola.”

E che per le stazioni sciistiche, in particolare le  piccole stazioni, si è rivelata una preziosa boccata di ossigeno per i conti di gestione. Certo il modello francese delle vacanze programmate con due settimane di vacanza invernali è ancora lontano, ma questo già è un passo avanti.

Pian del Frais Scuola Sci (Foto Lorenzo Bollito)

Pian del Frais Scuola Sci (Foto Lorenzo Bollito)