CambiAMO Giaveno sceglie di non presenziare alla Conferenza dei Capigruppo Cappuccio: "La maggioranza può decidere da sola quando fissare il Consiglio: questo è antidemocratico."

Alessandro Cappuccio, Capogruppo di CambiAMO GiavenoAlessandro Cappuccio, Capogruppo di CambiAMO Giaveno

GIAVENO – E’ stata fissata per mercoledì 19 ottobre la  Conferenza dei Capigruppo, riunione dei rappresentanti dei Gruppi Consiliari volta a programmare i lavori del successivo Consiglio Comunale. In merito Alessandro Cappuccio – capogruppo del Gruppo Consiliare CambiAMO Giaveno –  ha comunicato la scelta di non prendervi parte, lamentando antidemocraticità nelle scelte di fissazione di data ed ora del Consiglio Comunale, nonchè una mancanza di correttezza rispetto alla comunicazione di interpellanze e mozioni all’ordine del giorno. Ecco quanto affermato da Cappuccio:

Buongiorno, con la presente, comunico la mia assenza alla conferenza dei capigruppo fissata per il giorno 19 Ottobre. Come già comunicato nella scorsa conferenza, il gruppo cambiAMO Giaveno, non sarà più presente in sede di tale convocazione. La decisione di non aderire a tale conferenza è dettata dalla ragionevole motivazione che le conferenze dei capigruppo servirebbero per decidere insieme una data ed un orario consono alle richieste di tutti i consiglieri, oltre che essere al corrente di eventuali interrogazioni/interpellanze/mozioni e soprattutto oggetti all’ordine del giorno. Nelle ultime due conferenze si è visto chiaramente che ciò non è avvenuto. Questo è derivato dal fatto che, anche con tutte le minoranze insieme, la maggioranza col suo voto può decidere da sola quando fissare il Consiglio. Questo comportamento risulta, a nostro avviso, anti democratico.  Infine, non da ultimo, sempre nell’ultima conferenza, non siamo stati informati in merito al punto dell’ordine del giorno che riguardava il commercio e le grandi e medie strutture. Punto importante per noi e per i cittadini e per questo non corretto, non permettendoci di lavorare bene per la nostra Città.”