Il dottor Marco Canavoso eletto in Federfarma nazionale Federfarma rappresenta oltre 16.000 farmacie

Il dottor Marco CanavosoIl dottor Marco Canavoso

ROMA – Si completa nelle sue ultime caselle l’organigramma delle istituzioni che governano la Federazione. Nella seduta di mercoledì scorso, l’assemblea nazionale di Federfarma ha infatti proceduto al rinnovo dei componenti di Collegio sindacale, Collegio dei probiviri e Centro studi, gli ultimi organismi che ancora dovevano essere rinnovati alla scadenza triennale.

Canavoso eletto nel collegio dei probiviri

Il dottor Marco Canavoso, rappresentate dell’area urbana e segretario di Federfarma Torino, è nel Collegio dei probiviri.  Canavoso, una lunga carriera nella farmacia di famiglia a Susa, porterà la sua professionalità nella Federazione nazionale che rappresenta le oltre 16.000 farmacie private convenzionate con il Servizio sanitario nazionale. Al dottor Canavoso sono giunti messaggi di  felicitazioni dal mondo farmaceutico.

Il ruolo di Federfarma

Rappresenta le farmacie private nei confronti degli organismi politici, tecnici ed amministrativi, del Servizio sanitario nazionale, di istituzioni, enti, aziende produttrici e distributori intermedi.
Stipula a livello nazionale la convenzione farmaceutica, cioè l’accordo che permette l’assistenza farmaceutica in forma diretta. Sottoscrive il contratto collettivo nazionale di lavoro per i 55.000 dipendenti delle farmacie private. Trasmette alle farmacie le comunicazioni, diramate dalle autorità sanitarie, riguardanti il servizio farmaceutico, consentendo il ritiro dal commercio dei farmaci pericolosi entro 24 ore. Informa le farmacie su tutto ciò che riguarda il loro mondo e la professione del farmacista con il settimanale Farma7, la newsletter quotidiana Filodiretto e con i servizi on line tramite il sito www.federfarma.it.

Il monitoraggio

Trasmette al Ministero della Sanità e al Ministero dell’Economia tutti i dati delle ricette Ssn raccolti dalle farmacie. Grazie a questi dati le Autorità sanitarie possono monitorare in tempo reale l’andamento dei consumi dei farmaci e adottare rapidamente gli interventi necessari sia sotto il profilo sanitario che economico. Gestisce, con il patrocinio del Ministero della Sanità, una Banca Dati sul farmaco e sul parafarmaco, che contiene informazioni tecniche, farmacologiche e amministrative su tutti i farmaci in commercio e sugli altri prodotti salutistici presenti in farmacia.