Presentata la Valutazione d’impatto sulla salute sul cantiere della Torino-Lione di Chiomonte Il ministro dell'Ambiente Galletti: "Dal punto di vista ambientale risultati incoraggianti"

Foietta, Virano e PiraFoietta, Virano e Pira

TORINO – “Alle paure reali o procurate  si risponde con il monitoraggio continuo, con competenze scientifiche autorevoli e con la disponibilità al confronto. È fondamentale che questo metodo sia esteso a tutti i cantieri dell’opera” ha commentato il commissario di governo Paolo Foietta. L’occasione è stata la giornata per la presentazione della Valutazione d’impatto sulla salute condotta sul cantiere della Torino-Lione di Chiomonte.

L’architetto Virano

A volere fortemente l’incontro è stato l’architetto Mario Virano di TELT che ha annunciato che lo strumento sulla Valutazione d’impatto sulla salute (VIS) sarà esteso “a tutti i cantieri del versante italiano della TAV, valutando se è possibile fare un’operazione gemella anche sul lato francese, così da avere la mappatura sanitarile di un territorio molto esteso e per un tempo lungo, dato di grande rilevanza anche dal punto di vista scientifico“. Questa l’intenzione del direttore generale di Telt che ha presentato i risultati della VIS sul cantiere della galleria esplorativa di Chiomonte. “Il primo tassello – ha detto – di un’operazione applicabile agli altri cantieri che ci ha fornito elementi estremamente rassicuranti per le popolazioni della zona e i lavoratori del cantiere, che non è un assassino e non genera criticità se si lavora bene“.

I presenti

Presenti in sala molti sindaci delle zone interessate al cantiere, tra i quali Chiomonte Silvano Ollivier, Gravere Piero Nurisso e Salbertrand Riccardo Joannas, i consiglieri regionali Ferrentino e Frediani, l’assessore alla sanità Saitta e il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti. Proprio il Ministro ha dichiarato “non solo è possibile ma obbligatorio, l’ambiente non può essere un vincolo allo sviluppo ma deve fare in modo che lo sviluppo sia sostenibile“.

L’intervento del Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti

Così Galletti: “compito del mio ministero non è bloccare le grandi opere ma fare in modo che siano sostenibili, che il loro impatto sia minore possibile, valutando tutti gli aspetti, fra cui le ricadute positive sull’ambiente come, ad esempio, lo spostamento di parte del traffico dalla gomma alla ferrovia, un’azione importante dal punto di vista ambientale“. Per quanto riguarda lo studio sull’impatto dei lavori della Torino-Lione sulla salute dei cittadini, Galletti osserva che i suoi risultati “dal punto di vista ambientale sono incoraggianti“. “Ci dicono che le grandi opere possono essere fatte nel rispetto dell’ambiente, cosa che vale per la TAV come per la Tap. C’è invece un certo ambientalismo contrario a prescindere – ha aggiunto il ministro – mentre per noi il faro da seguire è la scienza. Una volta che si è fatto tutto ciò che va fatto, che si è valutato l’impatto, che si rispettano le regole – conclude – bisogna avere il coraggio di andare avanti“.

La salute dei cittadini

La salute dei cittadini che vivono nei comuni vicini al cantiere TELT di Chiomonte e dei lavoratori che operano al suo interno è sotto controllo. E’ quanto emerge dalla Valutazione d’impatto sulla Salute della galleria esplorativa per l’alta velocità, condotta dall’Università di Torino. Dal 2012 sono state oltre 62 mila le rilevazioni eseguite da Telt sotto la supervisione di Arpa, col monitoraggio di 135 parametri controllati attraverso 40 centraline in un’area di 15 km dal cantiere. Polveri sottili, amianto, radiazioni, rumore, qualità delle acque, vibrazioni e componenti biologiche sono i fattori ambientali monitorati dallo studio dal quale non sono emerse criticità di rilievo. Anche per quel che riguarda i dati sanitari della popolazione di quattro comuni è emerso un allineamento con la media nazionale.

Dopo anni di monitoroggio e studio ha ben chiarito il Professor Enrico Pira, docente di Medicina del lavoro dell’Università di Torino e responsabile scientifico della Valutazione di impatto sulla salute “si puòconcludere come in nessun caso siano emerse criticità di rilievo e i dati sanitari dei cittadini residenti nei comuni di Chiomonte, Gravere, Giaglione e Susa indicano che il territorio presenta indicatori allineati a quelli del resta della Regione Piemonte” 

I dati scientifici

L’area monitarata: Comuni di Chiomonte, Giaglione, Gravere e Susa

I numeri

  • 870 Misurazioni sulle principali componenti ambientali
  • 135 parametri controllati
  • 0 criticità di rilievo
  • 40 Centrali di rilevamento nel raggio di 15 km dal cantiere
  • 21 punti di rilevamento per il controllo delle acque

I Parametri oggetto del monitoraggio

Sono state monitorate 9 componenti ambientali su 135 parametri:

amianto; particolato; radiazioni; aria; polveri; rumore; vibrazioni; acque; clima

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.