Cantiere TELT di Chiomonte: incontro in Regione e OK al piano di occupazione senza licenziamenti sino a maggio 2018 Concordato il cronoprogramma dei lavori da qui alla primavera prossima, quando partirà la variante definitiva di cantiere

Il Cantiere TELT in Clarea a Chiomonte (Foto P.Sereno)Il Cantiere TELT in Clarea a Chiomonte (Foto P.Sereno)

TORINO – Fumata bianca ieri in Regione al tavolo tecnico presso la sede dell’Assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, sulla vicenda dei lavoratori della Venaus Scarl del cantiere TELT della Maddalena di Chiomonte.

I rappresentanti di TELT, della Prefettura di Torino, i tre sindacati di categoria del settore costruzioni (Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil Torino), alla presenza anche del  Commissario straordinario di Governo per l’asse ferroviario Torino-Lione Paolo Foietta si sono riuniti a confronto  con l’Assessore Gianna Pentenero, nell’ambito del tavolo tecnico già concordato nella riunione del 21 luglio scorso in Prefettura.

La parti hanno condiviso il cronoprogramma delle attività del cantiere di Chiomonte per  garantire la continuità dei lavori e si è avviato un percorso con l’obiettivo di assicurare ai lavoratori l’occupazione fino a maggio 2018.

Il primo risultato concordato è la garanzia dell’impiego per tutte le maestranze fino a gennaio 2018. Inoltre per traguardare l’obiettivo comune sono state individuate ipotesi concrete di lavoro che saranno oggetto di approfondimento del tavolo tecnico che tornerà a riunirsi giovedì 21 settembre prossimo.

Regione Piemonte e TELT stanno studiando modalità, quali ad esempio le clausole sociali, per favorire l’occupazione dei lavoratori della Valsusa nei contratti per i lavori definitivi della Torino-Lione.