Controlli a 360° dei Carabinieri in Alta Valsusa fra locali e sicurezza stradale 4 dennunciati per guida con livello alcoolemico sopra la norma e due titolari di pub per violazione delle norme sanitarie e sui locali pubblici

Un controllo del NAS Carabinieri (Foto Arma Carabinieri)Un controllo del NAS Carabinieri (Foto Arma Carabinieri)

SESTRIERE – Una serie di controlli intensificati sul territorio dell’Alta Valsusa da parte dei Carabinieri della Compagnia di Susa con l’ausilio di Nuclei specialistici, ha portato ad una serie di denunce fra guida in stato di ebbrezza e irregolarità nei locali.

Le patenti

Quattro persone, di età compresa tra 18 e 48 anni, sono stati fermati alla guida e risultati all’etilometro con tassi alcoolemici superiori eagli 0,8 milligrammi/litro, livello per cui oltre alle sanzioni amministrative  è scattata la denuncia all’Autorità Giudiziaria per guida in stato di ebrezza. A uno di questi, un torinese, è stato  è stato trovato con un tasso alcolico sei volte superiore al consentito, il cui valore è di 0,5 mg/l. Per lui oltre alla denuncia, per cui rischia una condanna fra gli 8 e 18 mesi, scatterà anche la confisca del veicolo.

I controlli nei Pub a Sestriere

Il servizio coordinato ha permesso anche di effettuare una serie di accertamenti in alcuni locali: i Carabinieri della Stazione di  Sestriere, in collaborazione con i colleghi dei Nuclei Anti Sofisticazioni e dell’Ispettorato del Lavoro (NAS e NIL di Torino), hanno sanzionato amministrativamente per 4.500 euro, e denunciato a peide libero alla Procura della Repubblica il titolare per tentata frode in commercio e per carenze igieniche, avendo riscontrato  che nelle cucine si utilizzavano alimenti in cattivo stato di conservazione.

In particolare sono stati sequestrati 150 kg di carne, pasta fresca e formaggi in cattivo stato di conservazione, scaduti, e neppure indicati come decongelati nel menu. Nel rapporto del NAS all’Autorità giudiziaria – trasmessa anch eall’ASLTO3 per competenza, sono emersi gfravi elementi  valutazione in merito all’assenza dei requisiti minimi igienico sanitari, che potrebbero anche determinare provvedimenti di chiusura da parte dell’Autorita’ sanitaria, sino all’adeguamento della strattura e dei locali.

Un secondo pub è stato sanzionato perché utilizzato come sala da ballo senza aver ottenuto la prevista licenza. Presso lo stesso locale è stata anche rilevato la presenza di un lavoratore irregolare.