Caselette, presentato il progetto Early Warning Europe Roberto Rigoletti: “Un’ottima idea per far conoscere alle nostre aziende un’ulteriore possibilità per migliorarsi e crescere”

Caselette

CASELETTE è stato il primo Comune ad ospitare e favorire l’incontro tra il progetto Early Warning Europe e le aziende del territorio. Che hanno risposto presente per un progetto europeo completamente finanziato, che ha il fine di supportare le aziende nella difficile ripresa dopo il periodo congiunturale sfavorevole. E l’Unione Industriale è stata scelta come unica partecipante a livello nazionale: per un progetto che in altri Paesi, sopratutto del nord Europa ha già dati i propri frutti, con un tasso di successo dal 50 all’85 per cento. Come in Danimarca dove è attivo dal 2007. E’ rivolto alle piccole e medie imprese piemontesi che vogliono stimolare la propria presenza sul mercato e la propria ripresa.

In Sala 150 si sono presentati molti imprenditori della zona, tra Caselette, Alpignano, Pianezza, con aziende di qualunque settore: dai cosmetici, ai serramenti, dai cancelli automatici, alle arti grafiche, dalla tipografia, alla meccanica pesante.

L’assessore alle Attività produttive Roberto Rigoletti

A spiegare il progetto la responsabile Paola Capello, insieme a Salvatore Bella e Silvano Berna. L’idea di far incontrare questo progetto con le aziende è stato di Tullio Tappari, manager in pensione e caselettese, che ha incontrato l’entusiasmo dell’assessore alle Attività produttive Roberto Rigoletti: “Un’ottima idea per far conoscere alle nostre aziende un’ulteriore possibilità per migliorarsi e crescere”. Infatti l’idea di base, spiega Paola Capello: “E’ quella di far incontrare l’imprenditore con il più appropriato dei 160 esperti manager, i cosiddetti volontari mentori, che assicurano un intervento multidisciplinare, completamente gratuito, fino ad arrivare a proporre e suggerire indirizzi e consigli adatti all’azienda presa in esame per produrre un risultato che possa portare ad una crescita”.

Dopo Caselette, che è stato il primo, molti altri Comuni prossimamente organizzeranno incontri su questo progetto, intanto il prossimo è fissato per lunedì 5 febbraio all’Unione Industriale di Torino.