Chiude l’ambulatorio di via Piave a Rivoli, dura presa di posizione della Batzella "Perché ci si accorge soltanto adesso che gli stabili sono fatiscenti?"

Dentistico

RIVOLI – Sembrerebbe definitivo il trasferimento del servizio di odontoiatria e stomatologia dal poliambulatorio di via Piave a Rivoli  al distretto di Collegno-Grugliasco. Il servizio di odontoiatria e stomatologia di Rivoli nel 2014 ha eseguito ben 3.234 prestazioni. Copre un bacino di utenza non limitato solo a Rivoli ma esteso anche ai comuni limitrofi di Rosta e Villarbasse oltre ai comuni della bassa Valsusa. Un servizio avviato da anni, apprezzato dall’utenza e funzionante al meglio visto il numero delle prestazioni erogate. A interrogare sul futuro del servizio, con molta preoccupazione, è la consigliera regionale Stefania Batzella: “L’Asl To3 punta ad una presunta razionalizzazione dei servizi esistenti e ad accorpare le attività ma queste scelte creano disagi ai cittadini e non producono evidenti vantaggi per la pubblica amministrazione. Incomprensibile la decisione dell’Asl To3, in accordo con il sindaco della città, su un’operazione che penalizzerà l’erogazione dei servizi nel territorio del comune di Rivoli e che vedrà togliere l’assistenza odontoiatrica – scrive la Btzella in un comunicato – stiamo assistendo ad un vero e proprio stravolgimento della mappa dei servizi. Dal Centro Bonadies di Cascine Vica a Rivoli è stato spostato recentemente medicina legale a Collegno e guardia medica e centro prelievi presso i locali della residenza per anziani della famiglia Vietti a Rivoli. In previsione la stessa sorte toccherà al SERT. La scelta dei trasferimenti è anche legata, secondo l’ASL, alle condizioni fatiscenti degli stabili di via Piave e Bonadies. Ci chiediamo come mai non siano stati eseguiti i lavori di manutenzione nel corso degli anni e si è arrivati a questo punto? Perché ci si accorge soltanto adesso che gli stabili sono fatiscenti e poi, in fretta e furia, si corre ai ripari con la soppressione di servizi e trasferimenti?”.