Collegno città del futuro: un nuovo sistema per ridurre tempi e costi Uno dei primi comuni ad avvalersi del Sistema BIM

Collegno, presentazione in sala giunta del sistema BIMCollegno, presentazione in sala giunta del sistema BIM

COLLEGNO – E’ uno dei primi comuni in tutta Italia ad utilizzare un nuovo sistema rivoluzionario. Si tratta del sistema BIM (Building Information Modeling), una vera e propria innovazione nel settore dei lavori pubblici. “Un fiore all’occhiello per il settore dei Lavori Pubblici – commenta l’Assessore al Lavori Pubblici Valentino Romagnolo. Questo sistema ci consentirà di lavorare con più precisione, ottimizzando tempi e qualità riducendo i costi: la banca dati per i tecnici è fondamentale affinché le informazioni necessarie siano sempre aggiornate e a disposizione”.

L’accordo con Il Politecnico

Il sistema BIM, adottato dalla città di Collegno, permetterà una simulazione e una progettazione in 3D, che conterrà tutte le informazioni e caratteristiche degli elementi manutentivi e costruttivi degli edifici. Pianificazione, realizzazione e gestione delle costruzioni verranno controllate tramite un software, che aiuterà a rilevare tutti i dati necessari. Dopo di che, la costruzione verrà realizzata e potrà essere visualizzata tramite un modello 3D. Un metodo ottimale, realizzato in collaborazione con il Politecnico di Torino e i due stagisti e disegnatori Gianluca Galfo e Fabio Agagliati.

Uno dei primi comuni ad avere questo sistema

Un vero e proprio accordo che consentirà a Collegno di avvalersi di un sistema innovativo che offre grandi opportunità. Riduzione dei tempi e dei costi, però, non solo gli unici vantaggi, perché è uno dei primi passi per costruire la città del futuro. “Il fatto che Collegno sia tra i primi comuni della Regione, e tra i pochi in Italia ad avvalersi di questo sistema, testimonia la positiva tensione dei nostri tecnici allo sviluppo e alla proposta di metodi sempre più all’avanguardia – commenta il sindaco Francesco Casciano -, riconoscendo valore non solo alla costruzione ma anche alla manutenzione di gran lunga più impattante nella vita di un fabbricato. Il BIM sarà utilizzato nella progettazione della scuola Matteotti, dell’Università nella localizzazione nei Laboratori Arti e Mestieri dell’ex Ospedale Psichiatrico. Il BIM sarà alleato nella progettazione e rigenerazione della Città del futuro”.

Questo slideshow richiede JavaScript.