Comuni ed enti per i tesori d’arte Ferrentino: "Realtà amministrative ed enti hanno compreso l'importanza di ottenere fondi"

bruzolo

TORINO – L’invito era partito, con una lettera, dalla Città del Bio. Il presidente Antonio Ferrentino presa carta e penna aveva scritto a tutte le amministrazioni comunali della bassa valle e della collina morenica per invitarle a partecipare ad un progetto di valorizzazione sulle “emergenze artistiche” legato alla legge regionale n.4 del 2000. Unire le esigenze di valorizzazione, progettare e raccogliere da più parti i fondi necessari per realizzare le idee questo l’intento.  Dall’invito alla prima riunione alla quale hanno partecipato alcuni comuni e l’Ente Naturale Alpi Cozie, uniti per progettare in un area più vasta un futuro economicamente certo verso obiettivi artistici. Insomma, l’unione che fa la forza e riesce a far sentire la propria voce. Il consigliere regionale e presidente di Città del Bio Antonio Ferrentino è soddisfatto: “E’ importante che alcune realtà amministrative ed enti abbiamo compreso l’importanza di queste vie per ottenere fondi su progetti di ampio respiro”. Il prossimo passo è la presentazione dei progetti e poi il loro finanziamento attraverso fondi europei, nazionali, regionali ed eventualmente quelli legati al progetto ferroviario Torino-Lione.