Con i “Conti Orsini e Benevello” va in scena la storia

RIVALTA – Un “si va in scena” fra l’ufficio di Cavour e lo studio di Napoleone III, con antichi giochi e dotte spiegazioni. Dopo le corse del mattino presto, il montaggio delle scenografie, il controllo delle attrezzature, i necessari cambiamenti dell’ultimo minuto e i ritocchi ad abiti e acconciature, il Gruppo Storico “Conti Orsini e Benevello” ha come sempre incantato grandi e piccini. Infatti, mentre in piazza della Pace i più piccoli si cimentavano con giochi storici, gli adulti hanno assistito allo sketch – del tutto inventato ma storicamente credibile – nel quale una civettuola Contessa di Castiglione veniva inviata a Parigi ben provvista di tomini per perorare al cospetto di Napoleone III la causa dell’Unità d’Italia. Nel pomeriggio, dopo l’arrivo del Gruppo Storico Nobiltà Sabauda di Rivoli e la replica dello spettacolo, si è svolto il Gran Ballo Ottocentesco, al termine del quale una scuola di danza ha portato a volteggiare e piroettare sulla piazza alcuni degli spettatori più audaci. Alla fine, è stato il calar del sole a decretare la fine della quarta Rievocazione Storica, mentre dame e cavalieri, nobili e popolani, ritornati ai panni odierni, smontavano le attrezzature e riordinavano la piazza, in attesa del prossimo evento.