Con il progetto “Seguimi” la Fondazione Pacchiotti proseguirà l’opera dei Fratelli Carlo e Mario

L'Istituto giavenese "Giacinto Pacchiotti"L'Istituto giavenese "Giacinto Pacchiotti"

GIAVENO – La Fondazione Pacchiotti sta lavorando alacremente per far sì che l’Istituto Giacinto Pacchiotti torni ad essere un polo di aggregazione, proseguendo l’opera dei Fratelli delle Scuole Cristiane, in particolare di Fratel Carlo e Fratel Mario, costruendo un laboratorio di idee attraverso il quale l’individuo torni ad essere il centro della comunità.

A tal fine, il Presidente della Fondazione Pacchiotti Claudio Aiello annuncia la nascita del progetto “Seguimi”,  volto a creare un ambiente dove i ragazzi possano liberare la loro creatività grazie ad un supporto didattico e pedagogico altamente specializzato. Per mezzo di attività sportive ed artistiche verrà favorita l’inclusione tra persone di differenti culture e condizioni, stimolando l’interscambio tra normodotati e ragazzi con bisogni educativi speciali (BES).

Un servizio innovativo rivolto alla comunità, giavenese e non, che si propone di supportare le famiglie in difficoltà.

Il progetto, ideato dalla dott.ssa Silvia Portigliatti, insegnante di sostegno altamente specializzata, è in fase di gestazione e inizierà indicativamente con l’anno nuovo.

“Seguimi” conta già numerose collaborazioni fattive, come l’Istituto Blaise Pascal che, come afferma la Dirigente scolastica Carmelina Venuti “Metterà a disposizione la sua risorsa più grande: gli studenti. Gli allievi del Pascal posseggono una grande capacità di inclusione ed in questo progetto avranno modo di vivere un’esperienza arricchente, attraverso uno stage tra le loro stesse mura, magari continuando l’Opera dei Fratelli Carlo e Mario.”

Anche l’Associazione UniTre – Università delle tre età – presieduta da Ermanno Plano prenderà parte a Seguimi. Commenta il Vice presidente Flavio Polledro: “L’Unitre è lieta di collaborare a questo progetto concreto, con il supporto pedagogico dei docenti in pensione e mettendo a disposizione la propria struttura.”

Sostegno al progetto viene anche dal Tavolo sulla Disabilità istituito in collaborazione con il Comune di Giaveno, attraverso la Consigliera alle pari opportunità Maria Paola Alfonso. Ulteriori collaborazioni vedranno protagonisti anche il Lions Club Giaveno-Valsangone e l'”Istituto dei Sordomuti di Torino” di Pianezza.

Il laboratorio darà inoltre spazio a tutte le Associazioni che vorranno dare il proprio apporto. L’intento è infatti di creare una rete di collaborazioni che metta in contatto le diverse realtà familiari con le istituzioni pubbliche e private presenti sul territorio, per garantire l’avanzamento culturale dell’intera comunità.