Condove: si contano i danni alla “Monce” colpita da un incendio alla vecchia falegnameria Non è bastato l’intervento delle squadre dei Vigili del Fuoco a salvare la struttura

Cerchiato in rosso il capannone della vecchia falegnameria della fabbrica di CondoveCerchiato in rosso il capannone della vecchia falegnameria della fabbrica di Condove

CONDOVE – L’incendio di ieri, mercoledì 23 agosto, che ha interessato i capannoni della Magnetto Wells Italia è partito dalle sterpaglie secche al limite del muro di recinzione dell’impianto industriale. Le fiamme hanno preso avvio sul lato sud della fabbrica, e poi si sono propagate fino al capannone chiamato della “falegnameria”. La vecchia struttura, inutilizzata da anni, che si presentava con le vecchie tegole in copertura poggiate su una trama in legno.

I Vigili del Fuoco

L’allarme è stato dato dalle sicurezza aziendale presente sul sito all’ingresso merci. Sono intervenute diverse squadre di Vigili del Fuoco di Susa e i volontari da Borgone che nonostante molte ore di lavoro non hanno potuto impedire che le fiamme arrivassero alla struttura del capannone provocandone gravi danni. Un’indagine, già in corso, metterà in chiaro quale sia stato l’innesco a provocare l’incendio.

Una nota storica

Il corpo dei Vigili del Fuoco di Condove nacque proprio per questo tipo di interventi in fabbrica, parliamo dei tempi in cui il cavalier Fortunato Bauchiero a Condove produceva prevalentemente per il Ministero della Guerra. Dalla “Ditta Bauchiero, Opificio elettrico di forniture militari” poi “Officine Moncenisio” venivano stoccati materiali per produrre esplosivi, armi e quanto di più pericoloso in caso d’incendio. Un gruppo di uomini, specializzati nello spegnimento di fuochi, presidiava la fabbrica. Dopo la guerra, la seconda, l’esperienza di queste maestranze uscì dai cancelli della fabbrica dando vita al gruppo di Vigili del Fuoco volontari oggi presenti in paese.