Controlli straordinari della Polizia nelle Stazioni

susa-stazione-1

SUSA – AVIGLIANA – La Polizia di Stato è stata impegnata nelle stazioni ferroviarie in un’attività programmata a livello nazionale dal Servizio Polizia Ferroviaria e che ha interessato non solo gli scali ferroviari, ma anche le ditte di deposito di metalli ferrosi, nell’ambito del contrasto al fenomeno dei furti di rame. Anche il Compartimento Polfer per il Piemonte ha messo in campo i suoi uomini per i servizi che hanno coinvolto tutte le stazioni di entrambe le regioni presenziate dal personale della Polfer e molte di quelle non presidiate: nella provincia sono stati estesi agli scali di Susa ed Avigliana, con l’impiego di personale del Posto Polfer di Bussoleno. Complessivamente, sono stati impegnati nelle attività di controllo, n. 147 operatori della Specialità, con l’identificazione di n. 504 persone di cui n. 161 straniere e 21 minori. Sono stati presenziati i convogli in arrivo e partenza, controllando complessivamente n. 246 treni, ed anche con l’ausilio di metal detector, sono stati verificati numerosi bagagli a campione in n. 64 stazioni. Nel torinese sono state controllate tre ditte da parte della Squadra Amministrativa compartimentale Polfer unitamente al Servizio tutela Ambientale della Città Metropolitana di Torino. In particolare presso una di queste, a Rivalta di Torino nella zona industriale, gli operatori hanno notato un fumo denso e nero provenire da un’area aperta adiacente alla zona di stoccaggio, ed è bastato un rapido accertamento per capire che era in atto un grave illecito di natura ambientale. Il proprietario, un cinquantenne italiano ed un suo dipendente romeno di 43 anni sono stati denunciati per combustione illecita di rifiuti. Le sanzioni amministrative complessivamente inflitte sono state di 6.716 euro. L’area, ove il rogo era in atto, è stata immediatamente messa in sicurezza.