Cosmesi e cucina: rievocazione storica alla Villa Romana di Almese

Villa Romana di AlmeseVilla Romana di Almese

ALMESE – Lunedì 1 maggio l’Associazione “Le vie del tempo” metterà in scena una rievocazione storica sulla cosmesi e la cucina in epoca romana.

Rievocazione storica alla Villa Romana

L’iniziativa è organizzata dall’associazione ArcA, che gestisce le visite guidate alla villa romana, col patrocinio del Comune, della Soprintendenza ai beni archeologici del Piemonte, della Fondazione Magnetto che ha contribuito alla realizzazione del percorso di visita e del piano di valorizzazione Valle di Susa, tesori d’arte e cultura alpina. I figuranti allestiranno alcuni ambienti nel sito archeologico, in particolare nella cucina, dove verrà preparato del cibo secondo le antiche usanze. Sarà possibile partecipare alle visite guidate dai volontari di ArcA che si svolgeranno dalle 14 alle 17.30 e inizieranno ogni ora. Per informazioni o prenotazioni chiamare l’ufficio cultura del Comune allo 011.9350201/5. Email: [email protected] o [email protected]

Cosmetica e cucina in epoca Romana

In occasione dell’apertura della Villa Romana di Almese l’Associazione di rievocazione storica “Le Vie del Tempo” proporrà una serie di tableaux vivants con personaggi abbigliati secondo i canoni della moda romana del I e II secolo d.C. Gli ambienti della villa che ospiteranno i tableaux saranno arredati con mobili e suppellettili il più possibile simili ad oggetti rinvenuti in scavo e verranno presentati cibi e prodotti cosmetici preparati secondo le ricette tramandate dalle fonti. Durante le visite guidate a cura degli archeologi dell’Arca, i gruppi stazioneranno presso le stanze ed assisteranno a brevi dialoghi seguiti da spiegazioni sui temi proposti.

Cucina

Nell’ambiente della cucina saranno presenti una credenza, un tavolo ed un focolare a terra; i cibi verranno mostrati all’interno di contenitori storicamente attendibili ed al termine di un breve dialogo tra i rievocatori, uno di essi spiegherà come si svolgevano i pasti, come venivano preparati i cibi e quali ingredienti venivano utilizzati. Sullo sfondo, gli inservienti saranno impegnati nella preparazione delle pietanze.

Camera della matrona

Un’altra area ospiterà la camera della matrona: qui i visitatori troveranno due dominae ed una cosmeta impegnate nella realizzazione di trucco e acconciature. Gli arredi saranno costituiti da un semplice tavolo rotondo ed uno sgabello di legno, poiché il vero fulcro sarà costituito da oggetti e preparati: unguentari, specchi, pettini, spugne, oli, unguenti e la nivea cerussa con cui le donne romane ottenevano una pelle bianchissima. Al termine di una breve rappresentazione, l’archeologa che impersonerà la cosmeta spiegherà quali fossero i canoni di bellezza per i romani, quali cosmetici venissero utilizzati e come venissero preparati (verranno mostrati pigmenti e sostanze vegetali), quali acconciature fossero di moda nei diversi periodi e quali fossero i metodi usati nella Roma antica per prendersi cura del proprio corpo (dalla depilazione, alla pulizia della pelle, alla tintura dei capelli).

Magazzino e triclinio

Proseguendo nella visita guidata gli avventori troveranno altre due scene animate, ma questa volta “mute”: la prima sarà ambientata nel magazzino, dove uno degli schiavi galloromani della villa sarà impegnato nella riparazione delle scarpe della domina. La seconda sarà ambientata in un triclinio, nel quale il dominus ed i suoi ospiti berranno vino ed assaggeranno frutta intrattenendosi in piacevoli conversazioni. Gli arredi saranno i tre letti (coperti da cuscini, pelli e stoffe pregiate) ed un tavolo basso rettangolare sul quale troverà posto un vassoio con la frutta ed il necessario per bere. Il vino verrà portato da un servitore che, dopo averlo richiesto agli inservienti della cucina, lo porterà nella stanza del triclinio seguendo i visitatori durante la visita come un discreto filo conduttore tra le diverse scene.

Questo slideshow richiede JavaScript.