“Da Pinin a Joe”: il primo romanzo di Renata Stoisa, sabato 16 luglio a Coazze Una saga familiare tra la Val Sangone e Torino

da pinin a joe

COAZZE – È ambientato in Val Sangone il primo romanzo di Renata Stoisa “Da Pinin a Joe”. Il destino dei nomi, edito dalla giavenese Echos edizioni. Il libro verrà presentato a Coazze sabato 16 luglio alle 17 per il ciclo “Libri in terrazza” presso la biblioteca comunale “Guido Quazza”. Renata Stoisa, torinese classe 1946, è un’insegnante del capoluogo piemontese, ma le sue origini sono coazzesi. Nonostante il lavoro e la vita in città, non ha mai abbandonato la Valle: vi torna ogni volta che ha un momento libero. Raggiunta ora la pensione, si dedica soprattutto alla scrittura, ma ama anche lo sport, lo sci in particolare e le passeggiate nei boschi di Coazze, alla ricerca, con scarso successo, di funghi. Sono i percorsi montani parte dell’ambientazione di “Da Pinin a Joe”. Uno scenario che va dalla Val Sangone alle strade bombardate di Torino, dai fronti delle due Guerre mondiali al boom economico degli anni Cinquanta e Sessanta. Una saga familiare, ma anche un romanzo di formazione. Con una narrazione attraverso le voci di Beppe e Piera che dal buen retiro di Coazze ripercorrono le vicissitudini della loro famiglia. “Un debutto nel mondo dei romanzi – osserva Renata Stoisa – ma non dell’editoria” dato che alle spalle vi sono altre pubblicazioni. “Sono molto legata alla Val Sangone e in particolare a Coazze – continua – con questo romanzo vorrei dimostrare al lettore come la Storia non passi soltanto dai grandi centri urbani, ma anche nelle periferie, territoriali ed esistenziali”. Una Echos edizioni, la casa editrice, che dalla nascita nel 2012 è cresciuta, arrivando a debuttare quest’anno al Salone del Libro di Torino. Ma “non dimentichiamo mai di essere una casa editrice nata sul territorio. Territorio di cui siamo molto fieri – osserva l’editore Marco Ronco – Anche se i nostri autori sono sparsi per tutta Italia, continuiamo a guardare con molta attenzione alle diverse realtà del Piemonte dove storia e tradizione si intrecciano. “Da Pinin a Joe” è l’ultimo esempio, cui posso aggiungere “La Val Sangone raccontata ai ragazzi” di Livia Picco, uno spaccato unico sulla storia e la Resistenza in valle o Incontro al terzo destino di Caterina Vallero, che racconta le vicissitudini di una famiglia contadina alle prese con la dura vita delle campagne piemontesi, a cavallo tra ottocento e novecento.”