Dal bando regionale somme ai Comuni per l’acquisto di dispositivi di protezione per gli operatori della Protezione Civile Domani 5 novembre si celebra anche la Giornata Regionale della Protezione Civile

Protezione civile

TORINO – Ammontano a oltre 420.000 euro i contributi complessivamente assegnati dalla Regione Piemonte per le attività di Protezione Civile effettuate dagli Enti Locali. Gli assi su cui si imperniava il bando, che ha visto la partecipazione di 160 enti, erano due:  acquisto di dispositivi di protezione individuale per le squadre comunali, per cui sono state ammesse a contributo 138 domande per una spesa complessiva di 394.146 euro; esercitazioni di manutenzione del territorio, per cui sono state ammesse a contributo 12 domande per una spesa complessiva di 30.030 euro.
Per l’Assessore alla Protezione Civile della Regione Piemonte Alberto Valmaggia si tratta “di misure di incentivazione di grande importanza per i territori, dirette a supportare l’attività di protezione civile degli enti locali, che costituiscono il primo “anello” del sistema, coordinato dai sindaci.”

Domani,  5 novembre 2016 si celebra proprio la 22esima edizione della Giornata Regionale della Protezione civile. Ricorrenza  istituita dal Consiglio Regionale, per sensibilizzare l’opinione pubblica, ed in particolare i giovani, sulle tematiche di Protezione civile, e mettere in evidenza l’importanza della collaborazione che, su questi temi, si realizza tra Cittadini e Istituzioni.

L’impegno commemorativo della Regione Piemonte è incentrato nel sostenere le diverse iniziative che già nei mesi di settembre e ottobre si sono svolte sul territorio: esercitazioni, attività formative nelle scuole, incontri con la popolazione e la partecipazione attiva alla campagna nazionale del Dipartimento della Protezione Civile “Io non rischio” con 18 piazze, in cui i cittadini sono stati i protagonisti di azioni di promozione del ruolo attivo nel campo della prevenzione e dell’autoprotezione, prima salvaguardia in situazioni di emergenza,  La Regione Piemonte, inoltre, come tutto il Sistema nazionale di Protezione civile, sta intervenendo in centro Italia con numerosi supporti alle popolazioni terremotate.

In diversi Comuni del Piemonte sono previste attività accompagnate da interventi divulgativi, confronti con i ragazzi delle scuole, azioni di prevenzione e cura del territorio.
Dal bando regionale – che ha privilegiato le richieste delle Unioni – sono arrivate somme attorno ai 2.000 euro a diversi Comuni delle nostre Valli:  Coazze, Trana, Chianocco, Borgone di Susa, San Giorio, Bussoleno e Chiusa San Michele