Daniela Ruffino riconfermata Vice-Presidente del Consiglio Regionale. Laus resta Presidente Come da prassi a metà legislatura l'Ufficio di Presidenza di Palazzo Lascaris è andato a rinnovo. Entra Bertola per il M5S

L'Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale (Foto C.R. Piemonte)L'Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale (Foto C.R. Piemonte)

TORINO – Le “elezioni di mid term” del Consiglio Regionale” che qualche agitazione in seno all’Assemblea di Palazzo Lascaris lo portano sempre, viste le aspirazioni ai prestiosi uffici di Consiglieri e forze politiche, si sono svolte senza troppe novità. A prevederle è lo Statuto dell’Ente, che vuole dopo 30 mesi di legislatura il rinnovo delle cariche.

Sono stati confermati, con 32 voti (otto le schede bianche, sei le nulle) il presidente Mauro Laus (PD), il vicepresidente Nino Boeti (Pd – 25 voti), la vicepresidente , la giavenese Daniela Ruffino (FI – 31 voti) ed i segretari Angela Motta (PD – 32 voti) e Gabriele Molinari (PD – 31 voti).

L’azzurra Ruffino si è dichiarata molto soddisfatta della sua coinferma: “Devo ringraziare davvero di cuore il mio gruppo che mi ha sostenuto in questa ricandidatura. Da parte mia posso solo dire che rinnoverò ulteriormente il mio impegno in questo ruolo istituzionale e continuerò – aldilà delle coloriture politiche – a lavorare ed essere a disposizione di tutto il territorio e degli amministratori delle Valli che ogni giorno devono confrontarsi con il governo regionale e dei cittadini dei nostri territori.”

Una poltrona l’ha portata a casa anche il Movimento 5 Stelle, che già nei giorni scorsi aveva aperto una trattativa col partito di maggioranza, rivendicando la presenza nell’Ufficio alla guida dell’Assemblea legislativa. “Siamo il primo movimento politico dell’opposizione in Consiglio regionale con otto eletti – ha detto in aula prima del voto Righetti –  è quindi necessario che il peso del nostro movimento venga considerato all’interno dell’Aula come atto di democrazia e di rispetto per il voto che ci è stato dato da chi ci ha eletto”.
E alla fine con un accordo più o meno alla luce del sole sono stati accontentati. Così, con indicazione del portavoce del loro gruppo sono riusciti a portare a casa 17 voti per Giorgio Bertola e relativa poltrona.

La cosa non è stata gradita dalla Lega Nord – l’ex Presidente della Provincia di Cuneo Gianna Gancia ha espressamente parlato di inciucio e di accordo in stile “Chiappendino” – ma se l’è anche presa con Forza Italia, per la perdita del posto  di Consigliere segretario di Alessandro Benvenuto. Per protesta i due consiglieri della  Lega non hanno votato i consiglieri delegati.

Mentre il Presidente rappresenta il Consiglio regionale, lo convoca, lo presiede – insieme ai Vice in caso di sua assenza –   dirige i lavori dello stesso ed esercita  funzioni di rappresentanza , tutto l’Ufficio di presidenza, oltre ad occuparsi dell’amministrazione e dell’organizzazione dell’ente, tutela le prerogative ed assicura l’esercizio dei diritti dei consiglieri e, in pratica, assicura il funzionamento dell’Assemblea con l’apporto della Conferenza dei Presidenti dei Gruppi Consiliari.

Daniela Ruffino (Foto MC)

Daniela Ruffino (Foto MC)