E’ mancato Mimmo Parisi, Susa piange il primo Capo Borgo dei Cappuccini

(Il borgo dei Cappuccini nel 1986)(Il borgo dei Cappuccini nel 1986)

SUSA – E’ mancato Mimmo Parisi, segusino doc emigrato dalla Sicilia. Un messinese che ha trovato in Susa la sua seconda patria. Di lavoro era dirigente all’Ufficio del Registro dov’era ricordato preciso, diligente, uomo di Stato con la giusta dose di comprensione. I segusini lo hanno amato per la sua piena umanità e lo sguardo che aveva verso la società e il sociale. Seppe cogliere nel Torneo Storico dei Borghi, parliamo del nascere della manifestazione, un’occasione di unione sociale di condivisione, di sviluppo del bene comune. Fu in quegli anni il capo borgo dei Cappuccini. Rimarrà tra le figure portanti del Palio con Paolo Sibille, Aldo Cappuccio, Marco Scoffone e tanti altri per gli anni della crescita della manifestazione ma sopratutto per quel sano impegno “di borgo” che erano le feste di quartiere. Mimmo era uomo legato alla Chiesa, per anni realizzò il presepe meccanico nella sua Sant’Evasio, “perchè piace ai bambini, ai grandi, perchè è un momento per tutti” amava dire.  Adesso faceva il nonno, con a fianco la sua amata moglie, con la stessa dolcezza e decisone con la quale aveva fatto il papà. “Per il Borgo e per tutta Susa Mimmo era un uomo speciale, disponibile e sempre con una parola d’aiuto per tutti” dice Sergio Scalzotto che ha eriditato lo scettro da capo borgo “se adesso Susa è diversa, migliore lo si deve a persone importanti come lui“.

j7e03lw