Elezioni Avigliana- “Adesso Avigliana”: “la Filarmonica Santa Cecilia è un bene di Avigliana da valorizzare”

Lista Adesso AviglianaLista Adesso Avigliana

AVIGLIANA – Lo scorso venerdì 26 maggio diversi candidati della lista civica “Adesso Avigliana” hanno fatto visita alla Società Filarmonica Santa Cecilia, che vanta una cinquantina di componenti, nei locali mansardati dello stabile presso i campi sportivi di via Suppo.

Luca Carnino, Marco Pilloni, Antonietta Spallone e Pietro Tutolo insieme al candidato sindaco Toni Spanò hanno portato un saluto prima delle prove e contestualmente hanno dialogato con i musici presenti, prendendo atto della situazione organizzativa dell’associazione.

È una bella e preziosa realtà con un’importantissima storia alle spalle, che quest’anno festeggia il duecentesimo anniversario – commenta Spanò – a nostro avviso dovrebbe, però, essere valorizzata meglio. Infatti, la sala in cui si svolgono le prove è un locale soggetto a forti sbalzi termici, un disagio per musici e strumentazione. È anche presente un montacarichi, rotto, che necessita di essere riparato, per far sì che l’attrezzatura possa essere trasportata con facilità. Ancora, c’è il problema delle divise: se si aggiungono nuovi elementi, devono attenderle a lungo. Pertanto hanno fatto prima a vestirsi tutti di nero a spesa propria”.

La Società Filarmonica Santa Cecilia è un bene importante per Avigliana e svolge un insostituibile servizio alla comunità. Andrebbe fatta conoscere anche fuori dalla Città, rendendola uno strumento di promozione di Avigliana e un elemento attrattivo per il nostro territorio. Questo si potrebbe realizzare con un concorso di bande, che vorremmo promuovere insieme alla Santa Cecilia. Deve essere coinvolta nella vita cittadina, penso alla scuole, e occorre collaborarvi nell’organizzazione degli eventi ai quali le si chiede di partecipare, costruendo insieme una calendarizzazione e le forme più valorizzanti per l’esibizione pubblica. Come sempre il dialogo e le vicinanza al cittadino vuole essere il nostro modo di lavorare” conclude Spanò.