Elezioni Grugliasco. Il PD al mercato distribuisce il giornalino I temi della campagna elettorale di Roberto Montà

Il PD di Grugliasco distribuisce il giornalinoIl PD di Grugliasco distribuisce il giornalino

GRUGLIASCO – “Cinque anni per una città migliore” titola il giornalino del Partito Democratico Grugliasco nel cuore. I tesserati del partito hanno trascorso la mattinata al mercato per la distribuzione dell’organo d’informazione del sezione del partito grugliaschese. Un giornale d’informazione che adesso, vista l’imminenza delle elezioni comunali, diventa anche di propaganda.

I temi trattati sul giornalino

Nel giornale c’è anche il rimando alla pagina http://www.roberto-sindaco.it/images/pdf/sintesi_raccolta_dati_scegligrugliasco.pdf. Un documento che riassume le volontà della lista. Dicono dalla lista: “Questo documento nasce da un percorso partecipato con i grugliaschesi e ne raccoglie pensieri, affermazioni, idee, priorità, critiche, sulla città e l’Amministrazione. Tutto questo materiale verrà utilizzato per realizzare il programma elettorale del candidato Sindaco Roberto Montà e della Colazione che lo sostiene. Il documento è figlio di 6 incontri tematici realizzati con i cittadini sui temi del Piano Stategico dell’Area Metropolitana Torinese e su Borgate, Scuola, Giovani, Sicurezza, Risorse, Futuro, Gestione del Territorio, Solidarietà, Cultura e Associazionismo.

Un questionario

Il questionario compilato all’inaugurazione dello spazio Scegligrugliasco all’interno del quale si è chiesto ai partecipanti di indicare “Cosa mi Piace“, cosa non mi piace di Grugliasco e le mie priorità il questionario on line che riprendeva le domande poste all’inaugurazione e chiedeva inoltre di indicare quali fossero i temi prioritari per il futuro della città fra 10 temi indicati (le nostre borgate, il commercio e il lavoro, per la vostra sicurezza, il futuro e le grandi trasformazioni urbane, le risorse di tutti, ambiente e territorio, solidarieta’ e servizi, tempo libero, scuola, giovani) per realizzare questa sintesi abbiamo utilizzato il contributo di circa 300 persone (fra incontri pubblici, materiale cartaceo e contributi on line) con ruoli e provenienze diverse: da amministratori pubblici ad esperti sui singoli temi, da cittadini con la passione per la propria città a persone che hanno responsabilità nel mondo della scuola, del lavoro, dell’associazionismo. Questo documento rappresenta una prima tappa di un percorso più ampio.