Elezioni Rivalta, il Programma Amministrativo del candidato sindaco Alberto Gianotti Un programma amministrativo dalla A alla Z

Il Programma Amministrativo di Alberto GianottiIl Programma Amministrativo di Alberto Gianotti

RIVALTA  – Si è svolto ieri sera, giovedì 25 maggio, nel salone della Proloco l’incontro del candidato sindaco Alberto Gianotti e di movimenti PRO Rivalta e GIOVANI RIVALTESI con gli abitanti del Gerbolano e di Tetti Francesi.

Al servizio della collettività

L’obiettivo di Gianotti e dei due Movimenti, si legge nel Programma Amministrativo, è “Di  mettersi al servizio della collettività perché la politica sia di tutti e non di pochi, con proposte frutto di conoscenza dei problemi, studio approfondito delle situazioni e soluzioni concrete”. Nasce quindi da questi propositi un Programma amministrativo dalla A alla Z.

A come:

  • Acqua del sindaco

“Noi ci adopereremo affinché S.M.A.T. installi dove ancora mancano, i punti “acqua del sindaco”, dove l’acqua naturale sarà erogata in modo del tutto gratuito – si legge nel programma –  Mentre avrà un costo di 5 centesimi litro solamente quella addizionata di CO2

  • Ambiente

Il Programma Amministrativo di Alberto Gianotti si propone di:

– Continuare i lavori di bonifica in atto nelle aree ex OMA e CHIMICA INDUSTRIALE

– Monitorare costantemente la qualità dell’aria sul  territorio

– Censire ed Incentivare la trasformazione di tutti gli impianti di riscaldamento obsoleti a gasolio ancora presenti sul territorio;

– Incrementare ed incentivare l’uso della bicicletta

– Aderire al programma relativo a “Economia Circolare verso Rifiuti Zero – Emissioni Zero – Cibo a Km Zero – Mobilità sostenibile”

  • Associazioni

“L’associazionismo rappresenta un elemento di grande importanza nel tessuto sociale di un paese”. Pertanto:

– si darà attenzione alle istanze delle associazioni

– si valorizzeranno le loro iniziative

– si agevolerà il loro lavoro

– si ridurranno i costi a loro carico

B come:

  • Biodiversità

Il programma amministrativo prevede fra l’altro di:

– preservare e valorizzare la collina morenica

– pulire e attrezzare i percorsi ciclopedonali naturali

– creare punti di osservazione

-recuperare la cascina Rifoglietto

C come:

  • Castello di Rivalta e Fondazione

“Il castello di Rivalta è il vero fiore all’occhiello del centro storico, il simbolo della cittadina, potenzialmente capace di attrarre molti visitatori per eventi e manifestazioni culturali”. Per questo il programma prevede di:

-istituire  una Fondazione Castello di Rivalta per la gestione del castello e del suo parco interno

-reperire attraverso la Fondazione fondi per la ristrutturazione

-attingere ai finanziamenti previsti

  • Commercio

“Vogliamo incentivare l’insediamento di piccole realtà commerciali per favorire la crescita dell’economia locale. Vogliamo pertanto trasformare il centro storico e le frazioni in un vero Centro Commerciale Naturale”, prevedendo fra l’altro:

-alta attrazione commerciale per il centro e le vie d’accesso

-eventi unici sul territorio

-miglioramento di accessibilità e parcheggi

-potenzieremo la rete dei servizi

 -creazione “kinder garten”

D come:

  • Democrazia partecipata

Come amministratori eletti ci faremo carico di recepire le istanze della cittadinanza e portarle all’attenzione dell’assemblea consiliare per quanto di competenza. Verrà perciò istituita una piattaforma sul sito web del Comune dove i cittadini potranno proporre discussioni su argomenti di interesse collettivo”.

E come: 

  • Economia verde

Verranno previste fra l’altro:

-sostituzione ed integrazione del sistema d’illuminazione pubblico con lampade LED di ultima generazione

-promozione nei centri commerciali per la creazione di postazioni per la ricarica dei veicoli elettrici

-adesione al programma relativo a “Economia Circolare verso Rifiuti Zero – Emissioni Zero – Cibo a Km Zero – Mobilità sostenibile.

F come:

  • Famiglia

“E’ la “cellula” su cui si fonda il sano sviluppo della nostra società e va sostenuta e salvaguardata”, perciò il programma prevede anche di:

-incentivare la nascita di cooperative di sevizi alla persona  per il sostegno delle famiglie con anziani in casa;

-predisporre un “osservatorio” che sappia analizzare attentamente i nuovi bisogni e le nuove povertà

-incrementare i  posti negli asili nido e nelle scuole materne, affinché i genitori non debbano rinunciare al lavoro per accudire i propri figli

  • Finanziamenti

“Noi vogliamo far convergere finanziamenti alternativi derivanti da fondi regionali, statali o comunitari, nonché da contributi di privati”. Per ciò sarà necessario:

-monitorare  tutte le forme di finanziamento attraverso bandi

-attivare per tempo la fase di programmazione e progettazione

-promuovere accordi e convenzioni con investitori privati

  • Frazioni Vedere capitolo Quartieri

G come:

  • Giovani

“I movimenti Pro Rivalta e Giovani Rivaltesi hanno deciso di investire sui giovani” e per fare ciò si propone di:

-garantire momenti di confronto per esporre le problematiche giovanili

-promuovere attività progettuali in campo artistico, culturale e sociale.

-creare opportunità in materia di istruzione ed occupazione

-sviluppare rapporti con organizzazioni e associazioni giovanili

H come:

  • Handicap

“Rivalta e frazioni devono essere riconosciuti in ambito Metropolitano come territorio disponibile a tutti senza sorte di impedimento” e perciò il programma prevede anche di:

-eliminare ogni barriera architettonica in tutti i luoghi pubblici e nei luoghi di ritrovo;

-rendere i marciapiedi e il manto stradale accessibili e percorribili dalle carrozzine;

-dotare l’accesso agli uffici pubblici di iscrizioni in Braille sui totem informativi;

-incentivare i Privati a predisporre interventi a risoluzione degli accessi;

-incrementare i controlli nei progetti per la realizzazione dei nuovi edifici

I come:

  • Iniziative (culturali)

“La necessità di sviluppare nuove iniziative in ambito turistico ben si coniuga con l’opportunità di organizzare manifestazioni ed eventi di importanza nazionale con manifestazioni di richiamo sovra locale”, a tal proposito si propone di:

-potenziare e chiedere l’inserimento di Rivalta di Torino nei circuiti ricreativi e culturali dell’area metropolitana.

-valutare ulteriori forme di gemellaggio con comunità estere realizzando scambi culturali anche e soprattutto a partire dalle scuole.

-porre in essere iniziative per fornire alle associazioni di volontari sul territorio i mezzi per dare servizi al costo più ragionevole.

-incentivare il coinvolgimento dei pensionati in attività di carattere sociale e non solo, come avviene oggi per la regolamentazione del traffico all’uscita dalle scuole.

  • Istruzione

Per svolgere adeguatamente la funzione formativa delle scuole del territorio si ha in programma di:

– migliorare la mensa scolastica (ora di scarsa qualità) e renderla accessibile ad ogni fascia di reddito

– inserire laboratori e gite di istruzione per conoscere il territorio rivaltese, i suoi siti storici, i suoi parchi, il suo torrente

– effettuare le dovute manutenzioni nonché ammodernare le strutture obsolete

– Ampliare il tempo pieno, potenziare i servizi di pre e post scuola in ausilio alle famiglie, con supporti professionali per colmare carenze scolastiche

L come:

  • Lavoro

Ci impegneremo a promuovere le condizioni per rendere il sistema produttivo più competitivo e a fornire maggiori opportunità ai giovani affinché possano trovare lavoro nel territorio rivaltese”. Nello specifico si ha intenzione di:

-sfruttare la presenza degli insediamenti Fiat ed incentivare la riapertura degli stabilimenti inutilizzati instaurando un dialogo con FCA

-favorire, con incentivi e sconti, l’insediamento di nuove industrie, laboratori e start up

-incentivare l’impiego di manodopera locale (riducendo gli spostamento casa/lavoro si avranno benefici anche per l’ambiente)

– ridurre i tempi di pagamento delle fatture alle imprese

– favorire la riqualificazione professionale con corsi di formazione

-promuovere opere, ove possibile, atte a garantire il mantenimento dei reparti e dell’università dell’Ospedale San Luigi di Orbassano e agevolare lo sviluppo della logistica dei trasporti ferroviari del S.I.TO.

-favorire l’assunzione di nuovo personale all’interno del Comune (nel rispetto della normativa nazionale per le assunzioni della Pubblica Amministrazione) evitando di ricorrere a consulenze esterne economicamente svantaggiose

M come:

  • Manutenzioni

Il programma che va dalla pianificazione all’attuazione, si compone di più punti:

– realizzare la mappatura dello stato d’arte di tutti gli edifici di proprietà comunale, effettuando un’analisi che va dallo stato di conservazione strutturale, allo stato di salute igienico sanitario ed impiantistico.

– ottimizzare ed attuare programmi di intervento di manutenzione degli edifici pubblici e ridotti i costi di gestione, senza tralasciare la cura estetica

– realizzare le opere necessarie per le frazioni per migliorare la loro immagine e la loro vivibilità

– potenziare la squadra di pronto intervento per riparazioni urgenti e messa in sicurezza della viabilità principale soggetta a maggiore usura del manto stradale, anche avvalendosi di macchinari di privati in convenzione, qualora l’acquisto diretto non sia possibile per vincoli di bilancio o normativi.

  • Mobilità

Rivalta nei piani del candidato è una città più verde e collegata; per attuare tutto ciò si pensa di:

-dotare Rivalta di una moderna rete di piste ciclabili, dal centro verso i quatieri periferici e fra i quartieri stessi; raccordando il tutto con le reti esistenti o di futura costruzione, provenienti dai comuni limitrofi

-mettere in sicurezza le fermate di trasporto pubblico, mediante banchine rialzate o comunque rientrate rispetto alla carreggiata ed accessibili anche alle persone portatrici di disabilità.

-creare di “zone 30” nella viabilità di quartiere, in modo da rendere più sicura la circolazione di ciclisti e pedoni, anche mediante l’impiego di arredo urbano.

-collegare il centro coi quartieri con la futura stazione ORBASSANO SAN LUIGI della linea SFM5, mediante navette (possibilmente elettriche) coincidenti con gli arrivi e le partenze, in modo da sgravare di traffico di strada San Luigi e la variante del Dojrone

-firmare di un protocollo d’intesa con i centri commerciali per l’installazione delle torrette di ricarica per i veicoli elettrici (per incentivare l’utilizzo di tali mezzi ecologici).

N come:

 Nimby

Con questo acronimo inglese (letteralmente “non nel mio giardino”) si intende dire “fate tutti i lavori che volete, ma non casa mia”; il candidato e i due movimenti non sono NIMBY a prescindere: è possibile infatti ragionare con tutti, in tutte le forme e livelli istituzionali, ma che la comunità locale non deve e non può subire passivamente, senza avere voce in capitolo. Per questo il dialogo vi sarà con chiunque sia disposto ad ascoltare, per fare sentire forte la voce dei rivaltesi.

  • Nomadi

“L’impegno, come amministrazione, sarà la costante verifica delle norme igienico-sanitari e dell’assenza di costruzioni abusive. Ove necessario, sarà intensificato il monitoraggio delle zone a rischio mantenendo un contatto diretto con i Carabinieri”.

O come:

  • Ospedale diffuso

“Si prevede un protocollo d’intesa con l’ospedale San Luigi di Orbassano per l’apertura di un “punto prelievi” nel nuovo compound di prossima edificazione alle ex casermette, per agevolare le persone anziane dei quartieri di Gerbole e Tetti Francesi. Gli esiti, potranno essere consegnati al domicilio dei pazienti, mediante l’utilizzo di personale impiegato nei L.S.U..Si pianifica inoltre un sistema di punti di “Prelievo ematico per esami di laboratorio” presso le farmacie dislocate su territorio sullo stile di quanto in attuazione sui territori limitrofi”.

P come:

  • Posizione su inceneritore

“Incrementando la raccolta differenziata, faremo la nostra parte per accorciare la vita del Termovalorizzatore, nel frattempo vigileremo affinché gli organi competenti eseguano tutti i controlli sulle emissioni alfine di garantire la salute dei cittadini”

  • Posizione sulla TAV

“Essere contro a prescindere non porta da nessuna parte, non fa altro che aumentare i costi, come la militarizzazione per la sicurezza dei cantiere, a causa di alcuni NO TAV violenti; stare fuori dall’osservatorio non ci permette di avere voce in capitolo su migliorie del tracciato e ricadute sul territorio”. Si auspica invece la riapertura del dialogo col fine di:

– allontanare il percorso il più possibile dalle abitazioni in zona  Cappella di San Vittore

– mitigare i cantieri con tutti gli accorgimenti tecnici possibili contro i rumori,  la dispersione delle polveri

– monitorare la qualità dell’aria e dei rumori  da parte di A.R.P.A. PIEMONTE

– rivedere ed eventuale abbassare il più possibile al piano campagna della  DUNA di RIVALTA, per diminuire l’impatto visivo e favorire il riuso agricolo.

-istituire il servizio navetta in coincidenza con arrivi e partenze del treno SFM5 alla stazione San Luigi;

-costruire la  pista ciclopedonale che dal centro porti alla stazione lungo strada San Luigi, collegata all’esistente proveniente da Pasta, per chi voglia raggiungere la stazione in modo ecologico

-avviare il protocollo d’intesa con il soggetto appaltatore la clausola per l’assunzione privilegiata di manodopera locale, nonché l’obbligo di avvalersi di imprese artigiane locali se la tipologia di lavorazione richiesta è presente sul territorio

– rispettare i parametri ambientali ed il ripristino dello stato dei luoghi pre-esistente il più naturalizzato possibile;

– chiedere il prolungamento della ferrovia, così come già inserito nel piano regolatore di Orbassano, in modo da garantire un servizio migliore ai cittadini dei due comuni ed a quelli provenienti dalla Valsangone.

Q come:

  • Qualità della vita

“Miglioramento della qualità della vita vuol dire: potere passeggiare di sera senza avere paura di aggressioni, potere sedersi su una panchina in mezzo al verde senza l’assedio dei veicoli, potere usufruire di mezzi pubblici adeguati per gli spostamenti casa/lavoro casa/scuola e viceversa, per diminuire la tempistica degli spostamenti ed avere cosí più tempo”

  • Quartieri (le ex frazioni)

“Al posto del termine Frazioni che individua un’area geografica distaccata dal territorio, vogliamo utilizzare la parola Quartieri per sottolineare la loro appartenenza alla comunità”, con progetti specifici per:

Gerbole che necessita fra l’altro di

-parcheggi

-mezzi pubblici di collegamento

-centro medico

-piste ciclopedonali di collegamento con il centro

-marciapiedi

-pensiline alle fermate dei mezzi pubblici

Tetti Francesi per il quale si pensa a:

-dialogo con FCA, Ceria e altri per riavviare attività lavorative

-recupero dell’area ex-Casermette

Pasta con il programma fra l’altro di:

-rivisitare i flussi di viabilità con  sensi unici a velocità controllata e deviare il traffico in direzione Torino agevolando l’utilizzo della circonvallazione esterna;

-abolire il semaforo su via Torino oggetto di intasamento veicolare;

-creare un parcheggio con posti auto per disabili e a servizio delle scuole

-creare viabilità pedonale a servizio delle scuole con accesso dalla via Pascoli;

Dojrone per il quale sono necessari.

-miglior collegamento al centro

-messa in sicurezza del manto stradale

-costruzione di una pista ciclabile che lo colleghi a quella esistente della variante del Dojrone e con Rivalta centro

R come:

  • Risparmi

-tagli allo stipendio del Sindaco e dei suoi Assessori, se nel primo anno del mandato non verrà realizzato almeno il 15% del presente programma amministrativo

-tagli alle spese di rappresentanza del Sindaco e degli Assessorati con impiego dei risparmi a favore del sociale, per aiutare le famiglie più bisognose.

– stampa su carta normale  100 per cento riciclata del giornalino “Rivalta Informa”

S come:

  • Sangone

-richiesta all’AIPO per la messa in sicurezza delle sponde del torrente Sangone

– manutenzione e pulizia periodica delle caditoie e dei canali di scolo

  • Sicurezza

-implementazione del sistema di videosorveglianza comunale agli ingressi del centro abitato a partire dalle periferie

-collegamento in tempo reale con  il comando della polizia

-sperimentazione di una piattaforma gestita dalla polizia locale, condivisa coi cittadini che possono mettere in rete le proprie telecamere perimetrali installate a protezione delle proprie abitazioni o imprese *ai fini di sicurezza urbana

-creazione di gruppi whatsapp che possano dialogare col comando della polizia locale per segnalare persone o movimenti sospetti

T come:

  • Terza e quarta età

-iniziative  che favoriscano l’inserimento per alcune ore al giorno di anziani soli all’interno di un nucleo familiare diverso da quello originario

-creazione di uno sportello dedicato alla popolazione ultra sessantacinquenne (Servizio Informativo Anziani) che possa essere un punto di riferimento per tutto ciò che riguarda le risposte alle loro necessità.

  • Trasparenza amministrativa

“Le decisioni che la nostra amministrazione prenderà saranno condivise con la popolazione, con tutti i mezzi oggi disponibili, nell’interesse di tutti”.

  • Trasporti

-collegamento della futura  stazione SAN LUIGI al territorio con un servizio  navetta con bus elettrici, che colleghi il centro ed i quartieri (le ex frazioni)

-eventuale istituzione di una fermata del bus a chiamata, “Me Bus” per i residenti nella frazione Dojrone

U come:

  • Urbanistica-Piano Regolatore

“Non abbiamo in programma ampliamenti di Piano Regolatore se non di utilizzare le opportunità per le proprietà comunali che man mano si svilupperanno nel corso dei prossimi 5 anni.  Noi ci atterremo alle linea guida attualmente vigenti, il nostro obiettivo è favorire il recupero del patrimonio edilizio esistente tramite agevolazioni e snellimenti delle pratiche, migliorandolo ed adeguandolo alle norme della bio-edilizia, volto ad un forte risparmio energetico”.

V come:

  • Viabilità

“I punti dolenti della viabilità rivaltese sono l’attraversamento, nelle ore di punta, della frazione Pasta e della variante del Dojrone”, perciò le iniziative da intraprendere sono:

-abolire e rendere il casello di Beinasco sulla A55

-richiedere ad A.R.P.A. PIEMONTE  l’installazione di centraline fisse per il monitoraggio degli inquinanti a Pasta e Gerbole

W come:

  • Wi-Fi

-ampliamento dei punti WI-FI gratuito nei locali istituzionali e nei luoghi di maggiore aggregazione giovanile e non, attualmente non ancora serviti.

Z come:

  • Ztl

-Ztl serale e notturna centro storico (sabato e festivi) sul modello di quella già in essere ad ORBASSANO, per favorire la socialità, l’eventuale apertura di nuovi locali ricreazionali.

-ZTL diurna centro storico con l’istituzione di una viabilità circolare che su via Balma diventerebbe a senso unico da via Griva verso via Einaudi; verrebbero recuperati circa 50/60 posti auto, in parte riservati ai residenti

-apertura pedonale dal castello verso i parcheggi di piazza Gerbidi, mediante il recupero della vecchia via della limonaia, che partendo da via Bianca della Valle (nello slargo fra la pasticceria Vacchieri e la Banca del Piemonte) consentirebbe di raggiungere il Castello comodamente dalla zona parcheggi.

Il Programma Amministrativo completo è consultabile all’indirizzo:

http://84.240.176.79/hypersicportal/portale/albopretorio/getfile.aspx?SOURCE=DB&PARAM=8154&KEY=15334