Ennesima truffa di ladri “in divisa”

RIVALTA – È avvenuta in una zona di casette con giardini e orti e di piccoli capannoni l’ennesima truffa che ieri, mercoledì 28 dicembre, si è consumata in frazione Gerbole ai danni di un’anziana, “colpevole” solo di aver nutrito rispetto e considerazione per chi le si è avvicinato indossando una divisa. Alla donna si sono infatti presentati quelli che si sarebbero poi rivelati due malviventi, uno in divisa da Vigile Urbano e l’altro che, indossando abiti da lavoro e una pettorina blu, ha dichiarato di essere un tecnico della Smat in sopralluogo nella zona. Parlando di una contaminazione dell’acqua dovuta alla  rottura di un tubo contenente amianto da parte di un escavatore, e della conseguente necessità di preservare ciò che di più prezioso era in casa,  i due ribaldi hanno convinto l’ultraottantenne a consegnare loro una piccola cassetta contenente due orologi e gli oggetti d’oro di una vita, per poi andarsene indisturbati. Sul fatto, come su tanti altri simili che si sono verificati e si stanno tutt’ora verificando, stanno indagando i Carabinieri che raccomandano a tutti di non aprire porte, portoni e cancelli a sconosciuti, neanche se in divisa, e di telefonare senza paura o remore al Pronto Intervento.