In esclusiva i versi su Avigliana del famoso poeta Fabio Strinati Il marchigiano ha rievocato in versi le bellezze dei Avigliana

Lago Piccolo di Avigliana

AVIGLIANA – Un verso, una città. Così il poeta Strinati ha voluto dedicare alcune righe alla città dei laghi. Fabio Strinati (poeta, scrittore, e compositore) nasce a San Severino Marche il 19 gennaio del 1983 e vive ad Esanatoglia, un paesino della provincia di Macerata nelle Marche. Nel 2014 inizia a dedicarsi alla scrittura.

Le opere di Strinati

Nell’ottobre del 2014 pubblica il suo primo libro di poesie dal titolo ” Pensieri nello scrigno. Nelle spighe di grano è il ritmo” (Casa Editrice ed Associazione Culturale Il Foglio Letterario). Nel mese di novembre del 2015, esce il suo secondo libro di poesia, dal titolo “Un’allodola ai bordi del pozzo” pubblicato sempre con Il Foglio Letterario. (2° classificato al Premio Nazionale Scriviamo Insieme. Finalista al Premio Artistico Internazionale Michelangelo Buonarroti). Nel novembre del 2016 esce il suo terzo libro, “Dal proprio nido alla vita”. Un poemetto ispirato a un romanzo di Gordiano Lupi, “Miracolo a Piombino”, quest’ultimo, presentato anche al Premio Strega. Nel 2017 pubblica con Il Foglio Letterario il suo quarto libro di poesia dal titolo “Al di sopra di un uomo”. Sempre nel 2017 pubblica il suo quinto libro di poesia dal titolo “Periodo di transizione”, tradotto in lingua rumena da Daniel Dragomirescu con prefazione di Michela Zanarella.

Ad Avigliana (a te che sei stupenda )

“T’attraversa la Dora Riparia,

quel fiume dal viso

sorgentizio, che t’accarezza l’anima,

che t’ama…,

come una vallata alpina

è quadro poetico di Avigliana,

gioiello medievale

e di quel color ghiacciato

ch’è il Lago Grande, passerella

d’anime sotto il sole pulito

di Piemonte!

Ricordo il Castello diroccato,

antico come un bacio

a cielo aperto. Una stanza

dal sentiero breve, misterioso,

lieve….

a te che sei molteplice

e morenica”.