Esercitazione congiunta delle Ferrovie italiane e francesi nel tunnel del Frejus: “evacuazione” dei passeggeri di un TGV Le Ferrovie e la Protezione Civile hanno simulato un guasto al locomotore di un TGV e le conseguenti misure di emergenza e soccorso

traforo-frejus

BARDONECCHIA – I Vigili del Fuoco italiani e Sapeurs Pompiers francesi, personale delle Ferrovie e volontari e tecnici di Protezione Civile regionale hanno partecipato nella notte di sabato ad una esercitazione organizzata dalla Ferrovie Francesi e Italiane nel Traforo del Frejus.

Un treno internazionale TGV proveniente dall’Italia e diretto in Francia, si è fermato all’interno della vecchia galleria del Frejus, tra Bardonecchia e Modane, per simulare un guasto al locomotore. Il personale in servizio a bordo del convoglio ha informato la sala operativa di Rete Ferroviaria Italiana e delle Imprese Ferroviarie interessate per segnalare il guasto e attivare le modalità di recupero del treno e soccorso dei viaggiatori.

Alcuni volontari hanno interpretato il ruolo di  passeggeri che sono stati soccorsi e assistiti nella stazione di Bardonecchia, mentre si attivavano le sale operative dei Vigili del Fuoco italiani e dei Sapeurs Pompiers francesi, che  hanno predisposto le fasi di soccorso ai passeggeri con specifici mezzi bimodali, utilizzabili sia su strada che su rotaia e il rimorchio del treno in avaria alla stazione di Bardonecchia. In stazione è stato allestito, dagli operatori del volontariato, un punto di ristoro per i passeggeri e attivato il soccorso sanitario 118.

Lo scopo dell’esercitazione

Questa attività, oltre a rispondere alle normative che prevedono la periodicità della stessa per consentire alle parti interessate di addestrarsi, vuole anche soddisfare la richiesta da parte della Prefettura italiana e francese di verificare le difficoltà operative nel caso di soccorso ad un treno passeggeri TGV fermo all’interno del tunnel transfrontaliero del Fréjus, per il cui piano di sicurezza le società di trasporto e RFI nel vecchio tunnel di Cavour hanno come  soluzione il trasbordare fuori dalla galleria i passeggeri con altro treno.

La simulazione si è svolta alla presenza dei rappresentanti ministeriali italiani e francesi del Comitato Tecnico di Sicurezza e del Presidente della Conferenza intergovernativa e del Commissario di Governo della Torino-Lione, Paolo Foietta.  E’ stato inoltre testato il nuovo sistema di disalimentazione in emergenza della linea elettrica dei treni, di recente installazione.

L’esercitazione rientra tra le iniziative programmate periodicamente per monitorare l’efficacia del flusso comunicativo e della catena del coordinamento, nonché la prontezza dell’intervento delle strutture del territorio. Il tutto per migliorare gli standard di sicurezza e la tutela delle persone, delle cose e dell’ambiente. Obiettivo comune è testare e aggiornare il Piano Generale di Emergenza binazionale (PGE) e il Piano di emergenza interno (PEI) della galleria e collaudare sul campo il sistema di intervento tecnico e di assistenza previsto dai protocolli d’intesa stipulati tra il Gruppo FS, Protezione Civile regionale e 118.

Le attività non hanno avuto alcuna ripercussione sulla circolazione dei treni.

Esercitazione binazionale sicurezza Ferroviaria Traforo del Frejus - Gli "evacuati" dal TGV ricoverati presso la Stazione di Bardonecchia

Esercitazione binazionale sicurezza Ferroviaria Traforo del Frejus – Gli “evacuati” dal TGV ricoverati presso la Stazione di Bardonecchia

Esercitazione binazionale sicurezza Ferroviaria Traforo del Frejus -

Esercitazione binazionale sicurezza Ferroviaria Traforo del Frejus –