Festa di San Jordi a Oulx Come da tradizione spagnola, vi sarà lo scambio di rose e di libri

Festa di Sant Jordi ad Oulx. Foto: www.valldaro.comFesta di Sant Jordi ad Oulx. Foto: www.valldaro.com

OULX – In preparazione all’evento della festa di San Jordi, che si terrà il 21 e 22 aprile a Oulx, si invitano i lettori grandi e piccini a portare i loro libri usati presso la biblioteca dell’I.I.S.S. Des Ambrois dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 16.00.

Festa di San Jordi

La Festa di San Jordi è una delle feste più importanti e sentite feste catalane. Il 23 aprile è un giorno di festa; fiumi di gente si riversano per le strade tra bancarelle di libri e rose, protagonisti della festa. La celebrazione consiste nel regalare un libro o una rosa ad un familiare o alla persona amata. L’uomo di solito regala una rosa alla consorte, la quale ricambia con il dono di un libro ben scelto.

La leggenda di “Sant Jordi e il Dragone”

Secondo la tradizione popolare, San Jorge era un militare romano, fedele servitore dell’Imperatore Diocleziano. Un giorno egli si rifiutò di eseguire un editto dell’Imperatore che lo obbligava a perseguire i Cristiani. Per questo motivo, egli fu decapitato.
Le gesta di San Jorge e del Dragone divennero popolari in tutta l’Europa sin dal Secolo IX, grazie al libro di Jacopo da Varazze di Genova “Leggenda Aurea” dove Sant Jorge viene citato.
La versione della leggenda più popolare in Catalunya racconta che a Montblanc (Conca de Barberà) viveva un dragone terribile che causava disgrazie alla popolazione. Per placare la sua ira malefica, si decise di sacrificare periodicamente una persona sorteggiata tra i cittadini. Un giorno la “Dea bendata” scelse la figlia del Re, che sarebbe morta se non fosse apparso un bel cavaliere con armatura che sconfisse il Dragone, uccidendolo. La tradizione aggiunge che dal sangue purpureo della bestia nacquero delle rose rosse.

Festa di San Jordi a Oulx

La giornata nasce dall’esempio di quanto avviene in Spagna: l’affetto, in quel giorno, viene manifestato con scambio di rose e libri.
I libri raccolti andranno a formare una grandissima bancarella aperta al pubblico.
Lo scambio di libri con una rosa, al prezzo simbolico di 1 euro, permetterà il sostegno della biblioteca della scuola dell’infanzia di San Francisco d’Echeverrija in Salvador e dell’Istituto Superiore Battaglia di Norcia.