Alla fiera Franca di Oulx la sesta giornata delle minoranze linguistiche Sabato 30 settembre convegni e incontri sulle lingue occitana, francoprovenzale e francese

maria-soresina

OULX –  Sabato 30 settembre contestualmente alla 523esima Fiera Franca del Grande Escarton, la Città metropolitana di Torino e l’associazione culturale Chambra d’Oc in collaborazione con il Comune di Oulx organizzano la sesta Giornata delle minoranze linguistiche storiche – occitana, francoprovenzale e francese – presso l’auditorium dell’IISS “Luigi Des Ambrois” in Via Martin Luther King.

Tutti gli anni la Fiera Franca di Oulx ha un tema centrale, che quest’anno è  il “Costume d’antan”. La Chambra d’Oc, in sintonia con il tema, allestirà, domenica primo ottobre,  nei locali adiacenti al comune una mostra sul costume tradizionale dell’Escarton di Oulx e dell’area francoprovenzale della valle Susa. Sarà aperto lo sportello linguistico delle lingue occitana, francoprovenzale e francese e si potranno trovare libri, cd, dvd dedicati alla lingua e alla cultura occitana, tra cui il libro fresco di stampa di Marco Rey “La roba savoiarda dla Coumba de Souiza”.

Il programma della Giornata delle minoranze

  • Ore 10 incontro dedicato agli studenti dell’Istituto Des Ambrois con Maria Soresina, autrice del libro “Libertà va cercando: il catarismo nella Commedia di Dante” e la proiezione del video di Andrea Fantino “Dante e la lingua d’Oc”. Un momento molto interessante per riflettere sulla figura di Dante Alighieri attraverso un percorso del tutto inedito e per riscoprire l’importanza che la lingua e la cultura occitane rivestivano nel pensiero del grande poeta fiorentino.
  •  Ore 15.30  saluti istituzionali del sindaco del comune di Oulx Paolo De Marchis introdurranno il convegno culturale che si aprirà con l’intervento di Teresa Geninatti, responsabile degli sportelli linguistici francoprovenzali delle Valli di Lanzo, dedicato al suo libro “La Voueulp e lou Chin… e aoutre counte” , raccolta di favole di Esopo tradotte in francoprovenzale. Un testo dall’alto valore didattico che unisce la conoscenza del patrimonio favolistico dell’eccelso scrittore greco alla lettura e all’insegnamento della lingua francoprovenzale.
  • Si proseguirà con la presentazione del libro “La roba savouiarda dla Coumba de Souiza” (“L’abito savoiardo della Valle di Susa”) curata dall’autore Marco Rey, scrittore francoprovenzale di Giaglione. Nel volume vengono descritte le peculiarità degli abiti tradizionali della media Valle di Susa con riferimenti specifici all’area savoiarda dell’alta Moriana legata culturalmente e linguisticamente alle comunità francoprovenzali del versante piemontese.
  • Seguirà quindi l’intervento di Agnès Dijaux dello sportello linguistico francese della Valle di Susa la quale presenterà “100 mots du Trésor de la langue” , cento parole del Tesoro della lingua. Un’importante collezione di video didattici nei quali la sportellista propone la descrizione in francese di 100 parole chiave.

Una parte importante del pomeriggio è dedicato alla scrittrice Maria Soresina che parlerà sul tema di Dante e il catarismo cercando di rispondere a domande quali: cos’era il catarismo? Quanto era diffuso in Italia? E in Occitania?. Molto conosciuta nell’area occitana della Provincia di Cuneo, la scrittrice per la prima volta sarà presente in valle Susa.

  • Ore 21, sempre presso l’auditorium concerto con ballo cantato del gruppo occitano “La Mesquia”. Uno spettacolo di poesia, danza, canto e musica che vuole coniugare le intense emozioni del ballo e dell’ascolto con una radicata identificazione nella cultura tradizionale.

Durante tutto il fine settimana per la Fiera Franca, i ristoranti di Oulx in rete, contraddistinti  con la bandiera occitana proporranno i piatti della tradizione occitana.