Firmato il protocollo per il Terzo Valico ferroviario Foietta: "La nuova Torino-Lione diventa sempre più necessaria"

terzo valico

La ferrovia ad alta velocità Tortona-Novi Ligure-Genova, conosciuta anche come Terzo valico dei Giovi, o più semplicemente come Terzo valico, è una linea ferroviaria progettata allo scopo di creare un collegamento veloce fra Genova e l’entroterra; un collegamento con l’Europa centrale per il trasporto delle merci che transitano giornalmente dal porto ligure. In particolare, l’opera si inserisce nel Corridoio Reno – Alpi, che è uno dei corridoi della rete che collega le regioni europee più densamente popolate e a maggior vocazione industriale. L’annuncio dato a Novara, sabato 9 aprile, dalle amministrazioni regionali e dal Ministro delle Infrastrutture, che hanno firmato il protocollo d’intesa,  è un notizia importante per il trasporto. Il Terzo Valico tra Piemonte e Liguria sarà operativo tra un decennio mentre per il 2021 dovrebbero essere pronti i collegamenti ferroviari Torino-Genova e Milano-Genova che collegheranno le città in 60 minuti. E’ stato l’amministratore delegato di Rfi  Maurizio Gentile ha precisare che si sta anche lavorando per avere un incremento della capacità attuale. “In questa visione progettuale il fattore tempo è fondamentale per vincere la scommessa di far diventare il Nord-Ovest una piattaforma logistica competitiva con quelle dell’Europa settentrionale. E per far diminuire, l’attuale distacco con il Nord Europa” ha detto Gentile. Secondo il Commissario governativo architetto Paolo Foietta: “La nuova Torino-Lione diventa sempre più necessaria anche in previsione del Terzo Valico, per far diventare il Piemonte il fulcro di collegamento da Milano e Genova verso l’Europa. L’opera è l’opportunità di economia, di transito delle merci e dei passeggeri da domani al futuro. Il protocollo firmato oggi è un altro tassello organizzativo importante anche per il nostro lavoro che partendo dal nuovo spazio di Orbassano collegherà il Piemonte all’Europa”.