Genitori imperfetti cercasi Con la collaborazione di Beinasco, Bruino, Orbassano, Piossasco, Rivalta e Volvera

genitori imperfetti

RIVALTA – Si è svolto venerdì 26 febbraio il prossimo appuntamento al “Mulino”. Il progetto, proposto dal CIdiS, in collaborazione con i comuni di Beinasco, Bruino, Orbassano, Piossasco, Rivalta e Volvera, organizzato dal Gruppo Abele e finanziato dalla Compagnia di San Paolo, si è infatti avvalso di relatori esperti che, forti della propria esperienza sul campo, hanno saputo “scendere” fra i partecipanti, proponendo suggerimenti più che imponendo nozioni, e impiegando la loro conoscenza degli argomenti per favorire momenti di confronto e di condivisione dei problemi che i genitori si trovano ad affrontare nei rapporti con i figli, soprattutto se adolescenti. In effetti, che si tratti di scuola, sesso o autorità, di gioco d’azzardo, responsabilità o droga, nessuno insegna ad essere genitori. Si vorrebbe fare e dare il meglio ai figli, li si vorrebbe felici, sicuri e forti. Ma sovente sono gli stessi adulti a sentirsi fragili, infelici, insicuri, pieni di domande a cui non si riesce a dare una risposta capace di soddisfare prima di tutto sé stessi e poi coloro che si vorrebbe aiutare a crescere e a maturare. Il primo passo è comprendere e accettare il fatto che i genitori perfetti, in grado di rispondere sempre al meglio alle domande e alle necessità dei figli, non esistono. Esistono invece genitori imperfetti, persone con mille domande e poche risposte, capaci però di mettersi in discussione ogni giorno e di ritrovarsi insieme per cercare strade attraverso le quali comprendere meglio sé stessi ed i propri figli, per imparare a dialogare anche nei momenti di maggiore difficoltà. Dopo l’appuntamento di venerdì, il 2 marzo a Volvera si parlerà di violenza come linguaggio, mentre il 4, l’11 e il 18, a Piossasco, un laboratorio teatrale concluderà il progetto.