Gianni Gontero, dalla Valsusa alla presidenza nazionale della Protezione Civile degli Alpini La penna nera valsusina, iscritto al Gruppo di Giaveno, arriva al prestigioso incarico

Gianni GonteroGianni Gontero

S.AMBROGIO  – Gianni Gontero da Sant’Ambrogio da sabato, dopo la riunione in sede nazionale a Milano, ha ricevuto l’incarico di coordinare i lavori delle squadre di tutti Raggruppamenti della Protezione Civile dell’Associazione Nazionale Alpini di tutto il Paese. Gianni è fa tutti riconosciuto per la sua capacità, il suo carisma e il senso partico che mette nei progetti e nei cantieri di lavoro. “Un bell’impegno che il Consiglio Nazionale ha deciso affidarmi. Dovrò occuparmi di tutti Raggruppamenti d’Italiadice Gonterol’incarico è fianco a fianco con quello del Presidente Nazionale Favero. Sono convinto che troverò molto lavoro e anche tante soddisfazione nella famiglia alpina”.

La Protezione Civile

La Protezione civile dell’ANA nasce in pratica all’inizio degli anni ottanta, come attività organica ma si può dire che il germe sia stato gettato nel 1976 nel Friuli devastato dal terremoto in cui l’Associazione Nazionale Alpini , prendeva coscienza di avere nelle sue fila un patrimonio di esperienze, volontà entusiasmo che poteva essere canalizzato là dove se ne rilevava la necessità. Da allora è stato un crescendo di coinvolgimenti, addestramenti, acquisizioni di materiali, mezzi ed esperienze ma anche e, forse, soprattutto di realizzazioni di interventi. La Protezione Civile è sempre presente dove viene richiesta, sia al livello di Dipartimento della Protezione civile presso la presidenza del Consiglio dei Ministri, sia nei territori montani per l’antincendio boschivo e nelle opere di prevenzione in cooperazione con Comuni, Province, Comunità Montane e Regioni.